Tasse in Umbria, ecco i comuni dove si paga di più: solo in tre non hanno aumentato

Gli artigiani con un piccolo laboratorio hanno registrato su base regionale incrementi medi delle imposte locali di 33 euro. L'indagine della Cna che smaschera i veri costi ed effetti sull'economia già in crisi in Umbria

Le tasse sono diminuite con l'avvento del balzello unico, la Iuc? Ci sono più incentivi per chi vuole continuare a fare impresa o a portare avanti la propria professione di artigiano? In Umbria no. Le chiacchiere anche stavolta (sia quelle nazionali che quelle locali) stanno a zero. E a denunciare il tutto e la Cna che ha elaborato una inchiesta su tasse e quei comuni umbri dove si pagano di più. 

Le imposte locali nel 2014, per gli artigiani con un piccolo laboratorio, sono aumentate complessivamente del 4% rispetto all’anno precedente, con lievi flessioni registrate in soli quattro comuni. È andata un po’ meglio alle imprese con sedi operative di maggiori dimensioni, per le quali gli aumenti medi sono stati del 2%, mentre più avvantaggiate sono state le imprese che hanno sedi strumentali più grandi, che tra il 2013 e il 2014 hanno ottenuto una riduzione media delle imposte locali dell’8%. 

Nel 2014 i Comuni che hanno applicato le tasse più elevate nei confronti della micro-piccola impresa sono Perugia e Terni (nei quali si concentra circa il 40% delle piccole imprese della regione), mentre quelli in cui ad essere penalizzate sono state le imprese di maggiori dimensioni sono Bastia Umbra, Assisi e Umbertide. Gli incrementi maggiori rispetto al 2013 si sono verificati invece a Spoleto, Fabro, Assisi e Umbertide. L’unico Comune in cui si è registrata una diminuzione della tassazione locale verso tutte le tipologie di imprese è quello di Orvieto

Gli artigiani con un piccolo laboratorio hanno registrato su base regionale incrementi medi delle imposte locali di 33 €, con punte di +126€ ad Assisi e  +121€ a Spoleto. Le imprese che operano in sedi più grandi hanno visto crescere le imposte mediamente di 50€, con un’impennata di +491 ad Assisi e di 338€ a Fabro (si superano i 200€ anche a Terni, Umbertide e Bastia Umbra), mentre le riduzioni più significative si sono registrate ad Amelia, Orvieto e Città di Castello. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Le uniche a trarre benefici dalla IUC sono state le imprese con grandi sedi strumentali che, tranne che a Fabro e a Marsciano (dove le imposte sono aumentate) hanno ottenuto riduzioni medie di oltre 750€ ad azienda, ma con punte che superano anche i 2mila euro a Orvieto, Todi e Narni

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Un borgo umbro tra i 20 paesi più belli d’Italia del 2020 scelti da Skyscanner

  • INVIATO CITTADINO Alle sei del mattino due giovanissimi dormono davanti alla vetrina di un negozio: chiamata la Polizia

  • "Aiutatemi", ragazzo trovato nella notte legato a un albero: indagano i carabinieri

  • Coronavirus in Umbria, la mappa al 14 settembre: tutti i dati comune per comune

  • Giovani coppie, single e famiglie con un solo genitore, dalla Regione quasi 4 milioni per l'acquisto della prima casa

  • Linea Verde Life fa tappa a Perugia ed elogia l’Antica Latteria di via Baglioni (le immagini)

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
PerugiaToday è in caricamento