menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Umbria Salute, 180 precari in scadenza: la Regione promette una soluzione

L’assessore Coletto “incalzato” da lavoratori e sindacati prende l’impegno a risolvere i problemi aperti

Un futuro per i precari in scadenza di contratto. I sindacati strappano alla Regione Umbria un "impegno a risolvere i problemi aperti in Umbria Salute, l’azienda partecipata che si occupa delle prenotazioni medico-sanitarie su tutto il territorio regionale".

Come annunciano i rappresentanti dei lavoratori con una nota "a prenderlo di persona davanti a sindacati e lavoratori - ieri in piazza a Perugia insieme a medici e infermieri del servizio sanitario regionale - è stato l’assessore regionale Luca Coletto, “incalzato” all’ingresso di palazzo Cesaroni (sede del consiglio regionale) da una delegazione sindacale".

"L’assessore ci ha assicurato che si farà carico personalmente dei problemi che da tempo abbiamo messo in evidenza - affermano i rappresentanti di Filcams Cgil, Fisascat Cisl, Uiltucs Uil, Nidil Cgil e Felsa Cisl - sia per quanto riguarda i 180 precari in scadenza di contratto a novembre, sia più in generale per le evidenti difficoltà nella ripartenza delle prestazioni, con la chiusura di alcuni punti Cup come quelli della Usl Umbria 1, senza nessuna comunicazione e confronto. Abbiamo ribadito all’assessore - concludo i sindacati - che le riorganizzazioni non possono essere fatte senza ascoltare i lavoratori, che dovrebbero esserne invece gli attori principali. Ora attendiamo una convocazione in tempi stretti, altrimenti inevitabilmente la mobilitazione proseguirà e si intensificherà".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Coronavirus, Assisi in lutto: è morto Mauro Venarucci

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PerugiaToday è in caricamento