Economia

Saldi estivi in Umbria, si parte: il decalogo di Confcommercio per farli in sicurezza

Ogni famiglia, secondo le stime dell’Ufficio Studi di Confcommercio, spenderà in media 171 euro

Anche per l’Umbria, in concomitanza con quasi tutte le regione italiane, è il momento dei saldi estivi, che iniziano sabato 3 luglio e si concluderanno il primo settembre.

Arrivano puntuali anche le stime dell’Ufficio Studi di Confcommercio, secondo le quali ogni famiglia spenderà in media 171 euro (74 euro pro capite) per l’acquisto di capi scontati, per un valore complessivo di 2,6 miliardi di euro.

“Si tratta di una cifra un po’ più alta rispetto a quella prevista per lo scorso anno e questo ci induce a un cauto ottimismo”, commenta Carlo Petrini, presidente Federmoda Umbria Confcommercio.

“Avvertiamo del resto la voglia di ritorno alla normalità che hanno gli umbri e i saldi estivi possono essere l’occasione per rinnovare il guardaroba in vista delle tanto desiderate vacanze, acquistando a prezzi convenienti e nelle migliori condizioni di sicurezza. Su questo i nostri clienti possono davvero essere tranquilli: i loro negozi di fiducia sono pronti ad accoglierli ed assisterli per acquisti davvero sicuri”.

Federazione Moda Italia e Confcommercio hanno stilato un decalogo con una serie di indicazioni utili a esercenti e clienti, per effettuare gli acquisti in saldo in condizioni di sicurezza e trasparenza.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Saldi estivi in Umbria, si parte: il decalogo di Confcommercio per farli in sicurezza

PerugiaToday è in caricamento