Assisi e l'Umbria nelle rotte del turismo religioso: "E' in forte crescita: boom per i cammini della fede"

Per conoscere e rilanciare la presenza dei pellegrini, ad Assisi per la borsa turistica sono arrivati 120 sellers italiani ed esteri in rappresentanza di strutture ricettive e tour operator

Cinquanta buyers, 120 sellers italiani ed esteri in rappresentanza di strutture ricettive, alberghiere, tour operator e associazioni operanti nel mondo del turismo religioso e dei cammini.  Un solo grande successo oltre tutte le aspettative. Questo il giudizio unanime degli operatori che hanno vissuto la Borsa del Turismo Religioso Internazionale ad Assisi, la capitale mondiale degli itinerari della fede, della cultura e dell’arte.

La quarta edizione della Borsa Internazionale del Turismo Religioso ha preso il testimone delle prime tre svoltesi a Padova nel 2015 e nel 2016 e a Roma nel 2017) e ha rilanciato un settore in continua espasione. Padova, Assisi e Roma: tre città accomunate da una spiritualità che diventa matrice di un turismo che vuole essere anzitutto rispettoso dell’essere umano, delle sue convinzioni religiose, dei suoi valori, e che ha il compito di tutelare la natura di cui l’uomo deve farsi custode.

Sono 300-330 milioni di “turisti religiosi” che si muovono ogni anno nel mondo per un giro di affari di oltre 18 miliardi di dollari. L’offerta religiosa del Belpaese è rappresentata da circa 1.500 santuari, 30.000 chiese, 700 musei diocesani, monasteri e conventi. In Italia, il turismo religioso incide sull’economia nazionale l‘1,5% sul totale dei flussi turistici, per un totale di 5,6 milioni di presenze turistiche (di cui 3,3 milioni di presenze straniere e 2,3 milioni di presenze legate al mercato italiano).

“La BTRI ha già dato conferma alla città per l’anno prossimo – questo il commento del sindaco di Assisi, Stefania Proietti. Ringrazio gli organizzatori per avere confermato una scelta che avrà positive ricadute sul tessuto imprenditoriale del territorio. Coglieremo al volo questa importante occasione per fare il punto su un segmento del settore turistico che allarga le vedute e riporta in città i pellegrini che hanno già visitato la città. Vogliamo trasmettere ai buyers e ai seller “l’esperienza Assisi”. Così facendo, il cittadino che si trova a visitare la nostra città ne ripartirà con il desiderio di tornare. La facoltà di economia del turismo, la cui sede abbiamo riportato in centro, a due passi dalla basilica di san Francesco, è in crescita di iscrizioni e segue il ritmo di un settore in costante cambiamento: quello del turismo dei cammini, che è la diretta emanazione del turismo religioso. Ci vogliono i giovani per stare al passo coi tempi e per trasmettere l’esperienza di un territorio in una chiave di sostenibilità e di rispetto dei valori di ambiente e natura, nella città in cui passano tutti i più importanti cammini italiani. Sulle orme di san Francesco, che andò per tutto il mondo”.

“Il successo di questa quarta edizione è la conferma che BTRI è la manifestazione più importante in Italia - ha affermato Nicola Ucci, direttore della BTRI - per la promo commercializzazione di itinerari di fede, arte e cultura. Ad Assisi si è registrata una perfetta sinergia fra istituzioni pubbliche e associazioni private che si sono coordinate creando le condizioni per raggiungere il successo pieno e la possibilità di incentivare il turismo religioso mettendosi in rete”.
 

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nuovo concorso pubblico: 616 posti a tempo indeterminato, basta la licenza media

  • Elezioni regionali, nuovo sondaggio sull'Umbria: Tesei avanti su Bianconi, la forbice e il numero degli indecisi

  • La Cena degli Sconosciuti arriva a Perugia: come funziona

  • Il Senato assume personale, il concorso: primo stipendio da 1.726 euro al mese

  • Quando Cicciolina girava per il centro di Perugia mostrando le sue grazie ai passanti

  • Scontro tra auto e camion sulla E45, automobilista salvo per miracolo: mezzo distrutto

Torna su
PerugiaToday è in caricamento