rotate-mobile
Domenica, 2 Ottobre 2022
Economia

Tutto pronto per il falò delle bollette record. Il sindaco di Deruta: "Le nostre fabbriche a rischio". Le storie: "Oltre 22mila di rincari in un mese"

Fabbriche umbre: gli aumenti riguardano anche le materie prime che, spesso, sono persino difficili da reperire e in tempi utili.

Quasi 22mila euro in più rispetto alla stessa bolletta luce-energia relativa al giugno 2021 (30milta contro 8mila): è il conto del caro-energia che è stato fornito ad un imprenditore che gestisce un importante campeggio sulle sponde del Trasimeno. Un aumento devastante che, da solo, ha bruciato tutti i guadagni di una stagione pur ricca di turisti, come non mai negli ultimi 5 anni. E all'appello mancano ancora tasse locali e nazionali, dipendenti da pagare e altro ancora. Un ristorante perugino, socio di Confcommercio, ha portato le bollette arrivate a fine agosto con i seguenti rincari: da 7.800 euro della bolletta di luglio 2021 è passato a 18.681 euro dello stesso mese di quest’anno. In provincia non va meglio: panettieri con bollette triplicate, pizzerie e ristoranti che hano deciso di aprire solo dal venerdi alla domenica perchè non possono sostenere le spese.

Grandi fabbriche che stanno obbligando dipendenti a usufruire di tutte le ferie e altre che hanno già messo i dipendenti in cassa-integrazione. Simone Fittuccia, Federalberghi, ha fatto i calcoli dopo le ultime bollette: la spesa per energia e gas ora incidono per il 30%, addirittura la voce supera quella del personale. Da Deruta, capofila delle città umbre della ceramica, arriva il grido di allarme del sindaco dopo aver incontrato impenditori e artigiani del settore: "i costi energetici stanno erodendo i guadagni e mandano fuori mercato le aziende locali. Le bollette del gas sono più che raddoppiate, con l’incidenza media del costo del gas su un pezzo che è 10 volte superiore, rispetto al passato; e, in alcuni casi, i fornitori di gas chiedono addirittura un cospicuo anticipo. Non solo. Gli aumenti riguardano anche le materie prime che, spesso, sono persino difficili da reperire e in tempi utili. Il rischio è che anche questo settore, che abbiamo faticato a far riprendere, possa fermarsi. Non possiamo permetterlo. Un settore che non può scomparire, ma non può neppure continuare a sopportare costi di produzione così elevati”.

Le richieste per salvare il salvabile: "mettere un tetto al prezzo del gas,attivare ristori e intervenire con politiche mirate per il settore della ceramica”. L'autunno freddo forse è già arrivato ed è per questo che Confcommercio ha lanciato la protesta: “NON spegnete l’Italia, NON spegnete il Futuro”. Alle ore 11 - in piazza Italia a Perugia - imprenditori, non solo del terziario, ma di tutti i settori, e cittadini sono stati dunque chiamati a manifestare in contemporanea esponendo cartelli con gli aumenti esorbitanti delle bollette. Come gesto simbolico saranno bruciate in piazza le copie delle bollette stesse.  

“Le conseguenze di queste scelte a cui tanti imprenditori saranno obbligati – sottolinea il presidente di Confcommercio Umbria Giorgio Mencaroni – sono pesantissime per loro ma a cascata per tutta la collettività, perché significa mettere a rischio posti di lavoro e creare nuova precarietà in un momento in cui tra l’altro l’inflazione galoppa. Ecco perché in questa battaglia imprenditori e cittadini sono assolutamente dalla stessa parte: siamo tutti preoccupati per la tenuta sociale del paese, che sta uscendo faticosamente dal Covid”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Tutto pronto per il falò delle bollette record. Il sindaco di Deruta: "Le nostre fabbriche a rischio". Le storie: "Oltre 22mila di rincari in un mese"

PerugiaToday è in caricamento