LA CRISI Ancora casse vuote a Umbria Mobilità: tredicesime e stipendi a rischio

E' la solita storia: da Roma i soldi per i crediti sono bloccati e le banche non ne vogliono sapere. E il presidente Caporizzi ammette: "Siamo senza liquidità per chiudere la fine dell'anno con i nostri dipendenti"

Con quali soldi saranno pagati gli stipendi di fine anno e le tredicesime? Ecco questo rischia di essere il nuovo tormentone di dicembre e che riguarda sempre i dipendenti di Umbria Mobilità che, almeno fino alla metà del 2014, non potranno passare nella nuova società con il 70 per cento controllato da Ferrovie dello Stato. I soldi, come ad ottobre, non ci sono e difficilmente le varie istituzioni potranno rimettere mano alla cassa. Ad ammettere una nuova imminente crisi con possibile blocco del servizio di trasporto sotto le feste (da parte dei sindacati), è lo stesso il presidente di Umbria mobilità, Lucio Caporizzi, ascoltato in commissione regionale diretta dal consigliere regionale Maria Rosi.

 "La situazione finanziaria dell'azienda – ha spiegato il presidente di UM - è ancora segnata dall'assenza di cassa determinata dalla mancanza dì apporti rilevanti di liquidità, nonostante il contributo della Regione Umbria, dato che al contempo c'è stata infatti una forte riduzione degli affidamenti da parte delle banche". Da Roma dovevano arrivare 20milioni di euro nel 2013 ma ne sono arrivati al momento solo 9 e difficilmente arriveranno altri dato che è tutto bloccato dopo il nuovo scandalo che ha coinvolto l'Atac nel Lazio. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

LA NUOVA SOCIETA' - "Alla gara pubblica - ha concluso Caporizzi - ha partecipato solo la società Busitalia, con una offerta di poco superiore ai 21 milioni fissati come base d'asta per il 70 per cento di Umbria mobilità. Il restante 30 per cento, se venisse venduto applicando quanto previsto dalla procedura, porterebbe ad incassare ulteriori 11 milioni di euro. Per perfezionare la vendita, cosa che dovrebbe avvenire nei primi mesi del 2014, serviranno ulteriori passaggi: vanno valutati i biglietti emessi, ottenuto il nulla osta dell'antitrust e serve l'asseverazione del piano di rilancio dell'azienda"

Per muoverti con i mezzi pubblici nella città di Perugia usa la nostra Partner App gratuita !

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Umbria Jazz, colpo di scena: l'annuncio ufficiale, progetto per quattro concerti ad agosto

  • Covid-19, quattro positivi asintomatici da Brunello Cucinelli: "L'isolamento ha evitato la trasmissione del virus"

  • Coronavirus, bollettino regionale del 31 maggio 2020: zero contagi, 17 le persone ricoverate

  • Offerte di Lavoro per Perugia e provincia: addetti al supermercato, farmacisti, operai, autisti e baby-sitter

  • Coronavirus e Fase 2, nuova ordinanza della presidente della Regione Umbria: le attività che riaprono dal 3 giugno

  • Test sieroprevalenza: battere il Coronavirus, ma la metà degli umbri chiamati non risponde all'appello della Croce rossa

Torna su
PerugiaToday è in caricamento