L'allarme: "A rischio l’iscrizione nelle liste di disoccupazione per migliaia di umbri"

I sindacati "chiedono alla Regione si concedere ulteriori 60 giorni per permettete a tutti gli iscritti di poter recuperare l'iscrizione anche oltre il termine del 30 giugno"

Riceviamo e pubblichiamo la nota di Cgil, Cisl e Uil che lancia l'allarme sul rischio cancellazione dalle liste di disoccupazione per migliaia di persone in Umbria. Ecco il testo integrale

*******

"Con oltre un anno di ritardo l'Umbria si adegua alla normativa nazionale per le modalità di iscrizione e "ripulitura" delle liste di disoccupazione, che nella nostra nostra regione sono arrivate a contenere oltre 140mila nominativi. Lo fa quasi in sordina e senza alcuna partecipazione e concertazione con le parti sociali (e visto il notevole ritardo non si potrà portare a scusante il carattere di urgenza della delibera). Ma il coinvolgimento delle parti sociali avrebbe garantito una maggiore pubblicità e informazione agli interessati, evitando a tantissimi disoccupati di trovarsi cancellata la propria iscrizione dalle liste dei Centri per l’impiego. Un problema forse non gravissimo per coloro che non rientrano nelle categorie protette, non essendo più valido per loro il criterio cronologico, ma assolutamente drammatico per i tantissimi iscritti con la legge 68 (“Norme per il diritto al lavoro dei disabili”), per i quali la data di iscrizione è ancora un criterio per poter ottenere un posto.

Cgil, Cisl e Uil dell’Umbria ricordano pertanto che, allo stato attuale, tutti i disoccupati iscritti alle liste dell'Umbria con patto di servizio (quello che va sottoscritto per poter usufruire delle politiche attive offerte dal servizio) scaduto 31 dicembre 2014, devono recarsi al Centro per l’impiego di residenza per rinnovare il patto stesso entro il 30 giugno 2015, pena la cancellazione dalle liste di disoccupazione.

Resta il fatto che questa situazione di emergenza non è tollerabile, soprattutto perché i ritardi di chi doveva fare e non ha fatto ricadono sulla pelle dei disoccupati e tra questi di coloro che sono ancora più fragili. Cgil, Cisl e Uil chiedono pertanto alla Regione Umbria di concedere ulteriori 60 giorni per permettete a tutti gli iscritti di poter recuperare l'iscrizione anche oltre il termine del 30 giugno, in modo particolare per gli iscritti con legge 68".

L'ASSESSORE SPIEGA - “A meno di una settimana dal mio insediamento come assessore, avendo appreso da un comunicato delle preoccupazioni di Cgil, Cisl e Uil dell’Umbria, intendo rassicurare sindacati e disoccupati – afferma - sul fatto che già stiamo lavorando in direzione di una proroga del tempo stabilito per la conferma dell’iscrizione anche in vista della scadenza del 30 settembre, data entro la quale è previsto il passaggio delle competenze e delle funzioni dei Centri per l’impiego alla Regione, per il quale si stanno attendendo i decreti attuativi del Jobs Act”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, purtroppo altre 3 persone decedute negli ospedali di Foligno, Pantalla e Terni. Sono 24 in Umbria

  • L'Umbria apre tutte le sue bocche di fuoco contro il virus: test rapidi, 2mila tamponi al giorno e 25mila controlli mirati

  • Coronavirus, dalla spesa alle scarpe: le risposte dell'Istituto superiore di sanità sul contagio

  • Coronavirus, bollettino regionale del 29 marzo: 1023 contagiati, cresce il numero dei guariti, 'solo' in 46 in terapia intensiva

  • Coronavirus, bollettino medico del 26 marzo: in Umbria 20 morti, 802 contagiati e 12 clinicamente guariti

  • Coronavirus, quando finirà l'emergenza? Le previsioni per l'Umbria

Torna su
PerugiaToday è in caricamento