Umbria, nuovo allarme lavoro: "Crollo del tempo indeterminato, contratti da un giorno e mezzo"

Nuovo allarme dell’Ires Cgil per l’Umbria. Il lavoro, dicono dal sindacato rosso, è un malato con pochissime speranze di sopravvivere

Nuovo allarme dell’Ires Cgil per l’Umbria. Il lavoro, dicono dal sindacato rosso, è un malato con pochissime speranze di sopravvivere: “Peggiora la condizione del lavoro in Umbria. Lo dicono i dati dell’Osservatorio Nazionale sul precariato delll’Inps, relativi ai primi 11 mesi del 2017”. I contratti a tempo indeterminato “scendono ancora, attestandosi a quota 10.054 nel periodo di riferimento (-11.4% sul 2016, -48% sul 2015). Esplodono invece le altre forme contrattuali: tempo determinato 55.749, apprendistato 5.224 e stagionali 2.884. Il totale dei contratti attivati corrisponde a 79.991 mentre quelli cessati sono 62.825”.

Di fronte a questo dato, sottolinea Mario Bravi dell’Ires Cgil, “si potrebbe incorrere in un errore profondo di valutazione, se non si tenesse conto del fatto che il 30% dei contratti ha una durata media di 1,4 giorni. Quindi, il dato su cui riflettere è che 79.991 contratti non corrispondono affatto allo stesso numero di persone, visto che in molti casi una sola persona è costretta ad attivare 4 o 5 contratti nell’arco di 11 mesi. Esiste dunque oggettivamente un problema di quantità del lavoro, ma soprattutto di qualità”.

E la qualità del lavoro in Umbria  “è in costante peggioramento, infatti la percentuale dei contratti a tempo indeterminato sul totale dei rapporti si sta costantemente riducendo. Nei primi mesi del 2017 questa percentuale si attestava attorno al 20%, ora, con gli ultimi dati relativi ai primi 11 mesi del 2017, siamo scesi (tenendo conto anche delle trasformazioni) al 18,7%.Una percentuale ben più bassa della media nazionale, che si attesta al 23,4%. Inoltre, sempre per quanto riguarda il tempo indeterminato, facendo il confronto tra cessazioni e attivazioni, le cessazioni (16.353) superano di gran lunga le attivazioni(14.512). Mai c’era stato un divario così netto”.

In sintesi: “Non si puo’ costruire il futuro dell’Umbria sul lavoro povero e precario. Questa rilevazione e le nostre valutazioni, del tutto oggettive, confermano e accentuano l'allarme occupazione in Umbria, con l’esigenza inderogabile di ridare dignità e diritti al mondo del lavoro, soprattutto  giovanile e femminile”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Pescara-Perugia 2-1, al posto di Oddo parla Goretti che accusa: "Sottil antisportivo"

  • Coronavirus in Umbria, il bollettino dell'8 agosto: dieci nuovi positivi

  • Questo matrimonio non si deve fare, intervengono i Carabinieri e sventano le nozze combinate

  • Coronavirus in Umbria, quattro bambini positivi: "Tutti asintomatici e in isolamento"

  • Coronavirus in Umbria, la mappa al 9 agosto: tutti i dati comune per comune

  • Coronavirus in Umbria, la mappa al 10 agosto: tutti i dati comune per comune

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
PerugiaToday è in caricamento