L'Umbria non riparte e ora è allarme rosso. Torna lo spettro di nuovi licenziamenti. Boom di lavoro da un giorno e via

L'aumento della cassa integrazione è collegato direttamente alle crisi aziendali e in molti casi rischia di preludere al licenziamento

L'Umbria non riparte. Dodici anni dopo la grande crisi che ha cambiato il tessuto economico della regione e che sta provocando una impensabile emigrazione di giovani e lavoratori, i dati sul lavoro sono impietosi. In pochi mesi cancellati i piccoli progressi del 2018. C'è un forte ritorno al paracadute della cassa integrazione nel periodo gennaio-settembre 2019. "Si è interrotto il ciclo (2014-2018) - hanno scritto nella relazione la Cgil, il maggior sindacato dell'Umbria - nel quale l’utilizzo di questo ammortizzatore sociale aveva visto una diminuzione consistente delle ore. In Umbria l’aumento complessivo è pari a +28,2%, più alto del dato nazionale (+16,27%). Infatti, le ore complessive di CIG nella nostra regione passano nei primi nove mesi da 3.201.316 del 2018 a 4.104.190 del 2019. In questo quadro l’aumento più rilevante è quello della cassa integrazione straordinaria, che nel periodo gennaio-settembre 2019 aumenta del 84,55%".

L'aumento della cassa integrazione è collegato direttamente alle crisi aziendali e in molti casi rischia di preludere al licenziamento. L’andamento del consumo delle ore di cassa integrazione, soprattutto per quanto riguarda la CIGS, è direttamente collegato al miglioramento o al peggioramento dell’attività industriale e dell’economia. "Questa situazione si riverbera anche sulle domande di disoccupazione (NASPI), anche loro in costante aumento nella regione": hanno ribadito dal sindacato. I dati dell’Inps riferiti a gennaio-agosto 2019 indicano quota 16.916 con un trend in aumento rispetto al 2017 e al 2018. Il lavoro dunque non c'è. Le opportunità, a differenza del resto del Paese, non ci sono. E quel poco di lavoro rimasto è precario, povero e di poco valore economico.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

L'Umbria è la prima regione per l'uso del lavoro a chiamata (detto anche intermittente o “job on call”) è una delle forme più povere e precarie del variegato e complicato mercato del lavoro italiano. Più 20,7% nel secondo trimestre del 2019 a fronte di una media italiana di poco sotto il 10 per cento. I dati dell'Ires, istituto di ricerca della Cgil, da gennaio a luglio indicano oltre 7mila contratti. "Il lavoro a chiamata - ha analizzato Mario Brevi dell'Ires Cgil - può durare anche un solo giorno ed è presente soprattutto nei settori del turismo, dello spettacolo, della guardiania e della reception. Questa tipologia di lavoro ha avuto una vera e propria esplosione nella nostra regione, dove il lavoro precario continua ad estendersi".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Spettacolo in cielo, le Frecce Tricolori sorvolano Perugia: ecco l'orario

  • Le Frecce Tricolori nei cieli di Perugia, domani il grande giorno per ammirare la pattuglia acrobatica

  • LA LETTERA al sindaco. Ordinanza: "Non si interviene così: chi ha sbagliato paghi ma senza penalizzare noi commercianti"

  • Ad Umbertide apre un nuovo supermercato: 450 mq e una linea di prodotti tutta made in Umbria

  • Coronavirus in Umbria, la mappa del contagio al 24 maggio: tutti i dati comune per comune

  • Ordinanza Umbria-Marche: via libera alla mobilità tra comuni di confine tra le due regioni

Torna su
PerugiaToday è in caricamento