Umbria, crescono le aziende degli stranieri: investono in edilizia e agricoltura

Le iscrizioni alle Camere di Commercio, che secondo i dati aggiornati di Unioncamere Umbria, relativi al terzo trimestre 2013, sono aumentate del 7 per cento. Ma sul versante dei lavoratori stranieri calano le opportunità lavorative

Le comunità straniere crescono a perugia

L'integrazione, sociale ma anche economica, passa anche per l'apertura delle nuove imprese pensate e portate avanti dagli stranieri residenti in Umbria. Nella regione dove, in percentuale, c'è la più alta presenza di "non italiani" stanno crescendo anche le attività commerciali e artigianali che vedono protagonisti cittadini stranieri. Le iscrizioni alle Camere di Commercio, che secondo i dati aggiornati di Unioncamere Umbria, relativi al terzo trimestre 2013, sono aumentate del 7% rispetto all'anno precedente e ormai rappresentano il 17% delle nuove imprese iscritte.

Le imprese straniere sono maggiormente concentrate nei settori delle Costruzioni (33,5%) e del Commercio all'ingrosso (32,1%). Seguono l'Agricoltura, silvicoltura e pesca (7,6%) e le attività manifatturiere (7,3%). In particolare, le imprese manifatturiere straniere in Umbria sono 489 e rappresentano il 6,1% del totale delle imprese umbre, a fronte del 13% dell'Italia centrale e del 7,6% del totale delle imprese italiane.

Nonostante l'aumento delle imprese straniere, l'Umbria però assorbe meno lavoratori immigrati. Negli ultimi 4 anni le assunzioni non stagionali sono in calo costante: dal 23% del 2010 all'8,5% del 2013. Lo stesso fenomeno si registra nelle altre regioni del centro Italia e più in generale in tutto il Paese anche se le percentuali di assunzioni sono più alte: 13,15% nell'Italia centrale e 11,7% in tutta Italia. 

Giuliana Piandoro, segretario generale di Unioncamere Umbria, sottolinea l'importanza di una tendenza che si è consolidata negli ultimi anni: "La  crescita di imprese straniere certifica anche il consolidamento di una dinamica: sempre più lavoratori da braccianti diventano imprenditori e accettano il rischio di fare impresa. Ormai in Italia una nuova impresa giovanile su 5 è straniera. Spesso queste attività soddisfano fabbisogni non coperti da lavoratori italiani. Colmano un vuoto e assicurano un apporto economico fondamentale all'economia dell'Umbria".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Le imprese straniere attive in Umbria, per la maggior parte, hanno la natura giuridica di imprese individuali (85,6%). Il 7,4% sono società di persone e il 6,3% sono società di capitali. Il 57,9% delle società di capitali è rappresentato da attività immobiliari; il 9,4% da attività manifatturiere.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Aste giudiziarie, l'occasione per "rifarsi" l'auto: dall'audi Q2 praticamente nuova alla Mercedes a 50 euro

  • Perugia, incendio alla Biondi recuperi: vigili del fuoco in azione, nube nera in cielo

  • Covid19, parte l'indagine sierologica a Perugia: Istat seleziona cittadini, occhio al numero telefonico

  • Si schianta con la moto in superstrada e il mezzo prende fuoco, ferito motociclista

  • Scontro tra auto a Umbertide: morte due persone, un'altra è rimasta ferita

  • Coronavirus in Umbria, il bollettino del 30 giugno: un nuovo positivo, aumentano i ricoverati

Torna su
PerugiaToday è in caricamento