Fondi per far piantare noccioli di qualità: nasce la nocciola made in Umbria

La filiera corta per la produzione di nocciole cento per cento ‘made in Umbria’ sarà presto una realtà grazie allo stanziamento regionale di 2 milioni e 600 mila euro dei fondi europei del PSR per sostenerne la produzione locale. L'annuncio porta la firma de, cnsg consigliere regionale del Partito Democratico, Carla Casciari commenta con soddisfazione la notizia della prossima pubblicazione di bandi regionali per la promozione e valorizzazione delle filiere corte agricole nei settori della produzione cerealicola, casearia e della frutta in guscio . 

“La Giunta regionale – commenta Casciari - ha risposto fattivamente e con celerità all’istanza che nei mesi scorsi avevo promosso con il collega Gianfranco Chiacchieroni e approvata dall’intera Assemblea legislativa, nella quale si chiedeva all’Esecutivo di sostenere, con interventi dedicati, la produzione locale di nocciole, un settore che può rappresentare una concreta opportunità d’impresa e di sviluppo territoriale”. 

Con i finanziamenti europei che gli agricoltori otterranno grazie al bando regionale sarà possibile avviare impianti arborei di noccioli e provvedere all’irrigazione in attesa che la piantagione diventi produttiva. I criteri individuati dalla Regione nei bandi privilegeranno i partenariati fra agricoltori, imprese di trasformazione e commercializzazione nell’ottica di mantenere alti standard di qualità e tracciabilità in tutte le fasi di produzione, ottenendo quindi un prodotto 100 per cento umbro. Con i finanziamenti europei che gli agricoltori otterranno grazie al bando regionale sarà possibile avviare impianti arborei di noccioli e provvedere all’irrigazione in attesa che la piantagione diventi produttiva”. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Lo sviluppo di un comparto corilicolo regionale è auspicabile anche perché asseconderebbe la vocazione dolciaria delle nostre terre, famose in Italia e nel mondo per prodotti dolciari, che fanno della nocciola un elemento inconfondibile, ma consentirebbe anche di riqualificare e riconvertire terreni agricoli destinati fino ad oggi ad altre colture che, a seguito delle riforme della politica agricola comune, hanno maggiormente risentito della crisi. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Assembramenti e risse in centro e Fontivegge, ordinanza Romizi: chiusura anticipata locali e obbligo mascherine

  • Coronavirus in Umbria, la mappa del contagio al 19 maggio: tutti i dati comune per comune

  • Coronavirus e movida violenta a Castel del Piano, in venti ubriachi al bar e scoppia la rissa: quattro arresti

  • Contrordine da Roma, dalle 13 siamo una regione a rischio basso, quindi virtuosa. Ora nel mirino: la Valle d'Aosta

  • Centro storico, assembramenti notturni in piazza Danti e in piazza IV Novembre: è polemica

  • Continua la campagna anti-Umbria sui contagi, ma il bollettino smentisce tutti: zero contagiati anche oggi, zero morti

Torna su
PerugiaToday è in caricamento