Economia

Umbria, 20mila tra colf e badanti: stipendi, nazionalità, fascia di età, genere. Il confronto con le altre regioni

Contrariamente a quanto accade per altre categorie di lavoro, le lavoratrici domestiche in media hanno una retribuzione più alta rispetto agli uomini

Nel 2023 i lavoratori domestici con contributi all’Inps sono stati 833.874, in flessione per il secondo anno consecutivo (-7,6% rispetto al 2022) dopo i consistenti incrementi del biennio 2020-2021 dovuti ad una spontanea regolarizzazione di rapporti di lavoro per consentire ai lavoratori domestici di recarsi al lavoro durante il periodo di lockdown. Nel 2023 - secondo il rapporto dell'Inps - sono circa 834 mila lavoratori domestici; 88,6% sono donne, 68,9% gli stranieri; resta dunque un 31 per cento di badanti, colf e assistenti sanitari che sono svolti da cittadini italiani.  Il Nord-Ovest è l’area geografica con il maggior numero di lavoratori (30,7%), seguita dal Centro con il 27,6%, dal Nord-Est con il 19,9%, dal Sud con il 12,2% e dalle Isole con il 9,6%. In Umbria sono 20mila i lavoratori domestici con cotratto regolare. 

La maggior parte dei lavoratori domestici proviene dall’Europa dell’Est, con 297.373 lavoratori, pari al 35,7% del totale; seguono i 259.689 lavoratori di cittadinanza italiana (31,1%), quelli provenienti dal Sud America (8,1%) e quelli dall’Asia Orientale (5,8%). Sulla tipologia di lavoro la quota di “Badanti” (49,6%) ha ormai quasi raggiunto la quota “Colf” (50,4%). La tipologia “Colf” è prevalente tra i lavoratori italiani e quasi tutti i lavoratori stranieri, ad eccezione di quelli provenienti dall’Europa dell’Est, dall’Asia Medio Orientale, dal nord America e dall’America Centrale, in cui prevale la tipologia “Badante”. L’analisi dei dati sulle retribuzioni nel 2023 evidenzia che, contrariamente a quanto accade per altre categorie di lavoro, le lavoratrici domestiche in media hanno una retribuzione più alta rispetto agli uomini: il 31,2% delle lavoratrici domestiche ha una retribuzione di oltre 10 mila euro, tale percentuale si ferma al 27,7% per gli uomini.
 
La classe d'età “55-59 anni” è quella con la maggior frequenza tra i lavoratori domestici, con un peso pari al 18,1% del totale, mentre il 23,9% ha un’età pari o superiore ai 60 anni e solo l’1,5% ha un'età inferiore ai 25 anni.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Umbria, 20mila tra colf e badanti: stipendi, nazionalità, fascia di età, genere. Il confronto con le altre regioni
PerugiaToday è in caricamento