Le nostre eccellenze: un vino umbro sul podio dei migliori rossi d'Italia

Il 'Rubesco Riserva Vigna Monticchio' di LUngarotti per il terzo anno consecutivo ai vertici della 'Top 100' di Gentleman, speciale classifica ottenuta dall’incrocio delle sei più autorevoli guide enologiche 2020 del Belpaese (Gambero Rosso, Vitae, Bibenda, Veronelli, Cernilli e Maroni)

C'è un'Umbria che continua ad eccellere anche in tempi di crisi e lo fa in uno dei settori in cui è protagonista da sempre: quello del vino. Un prestigioso riconoscimento è arrivato infatti per Lungarotti, che ha visto piazzarsi il suo 'Rubesco Riserva Vigna Monticchio' al secondo posto dei miglior vini rossi d'Italia nella superclassifica 'Top 100' di Gentleman, il periodico di Class Editori, ottenuta dall’incrocio delle sei più autorevoli guide enologiche 2020 del Belpaese (Gambero Rosso, Vitae, Bibenda, Veronelli, Cernilli e Maroni). Il millesimo 2015, preso in considerazione dalla graduatoria, conquista così il secondo posto a pari merito con il Solaia 2016, entrambi preceduti dal Sassicaia 2016 che si piazza sul gradino più alto del podio.

SEMPRE SUL PODIO - Per il 'Rubesco Riserva Vigna Monticchio' si tratta della terza medaglia consecutiva nelle ultime tre edizioni della Top 100 rossi italiani di Gentleman. Per Chiara Lungarotti (in foto), ad dell’omonimo Gruppo: “Il riconoscimento è la riprova della grande evoluzione qualitativa del nostro Cru - afferma soddisfatta l'ad Chiara Lungarotti -, portabandiera in tutto il mondo del terrorio umbro e, in particolare, della piccola zona Doc di Torgiano”. Una conferma dunque per il vino bandiera dell’azienda che il curatore Cesare Pillon ha così sintetizzato nell'inchiesta: “Se fosse per i primi 3 vini sul podio, la classifica del 2020 sarebbe identica a quella degli anni ‘80, quando Sassicaia e Solaia stavano conquistando i mercati esteri e il Rubesco Vigna Monticchio era una sorprendente creazione enologica scaturita in Umbria dall’intraprendente fantasia di Giorgio Lungarotti”. 

CARATTERISTICHE - Da nove anni consecutivi nella top ten e per 6 volte sul podio della speciale classifica nelle ultime 9 edizioni, Il Rubesco Vigna Monticchio (Torgiano Rosso Riserva DOCG) è prodotto da uve Sangiovese macerate sulle bucce per 15‐20 giorni. Maturato un anno in botte grande e in barrique e poi affinato vari anni in bottiglia, sorprende per la sua complessità e longevità che lo rendono un vino con una potenzialità di invecchiamento di oltre 50 anni. Esportato in 50 Paesi del mondo, proviene dal cru ‘Vigna Monticchio’, un vigneto di 12 ettari sulla sommità delle colline di Brufa a Torgiano, a circa 300 metri di quota. Elegante e di solida struttura, ha colore rubino profondo e profumo complesso che ricorda la marasca e la mora, delicati richiami alla violetta e leggere note mentolate e finale speziato. Di grande concentrazione, fruttato e leggermente balsamico, ha tannino morbido e vellutato, finale lungo e persistente.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

AZIENDA LEADER - Nelle tenute di Torgiano e Montefalco (250 ettari vitati complessivi) Lungarotti produce in media circa 2,5 milioni di bottiglie l’anno in 28 etichette, esportate in 50 Paesi e stappate nei ristoranti più blasonati di grandi metropoli internazionali: dal Nobu e Sushikoh di Tokyo al Pelago di Chicago fino al Del Posto di New York; dal Campagnolo e Shangri-La di Toronto al Tomate Blanche di Montréal; dall’Enoteca Il Buco di New York al Grill Royal di Berlino fino al Gallo Nero di Amburgo; dal Four Season Hotel di Bangkok e Grand Hyatt di Seoul all’esclusivo Gora Kadan nel parco nazionale di Hakone (Giappone). Il Gruppo Lungarotti è poi attivo anche nei settori dell’enoturismo con i casolari dell’agriturismo Poggio alle Vigne e della cultura con il Museo del vino di Torgiano (Muvit) e il Museo dell’olivo e dell’olio (Moo).

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Un borgo umbro tra i 20 paesi più belli d’Italia del 2020 scelti da Skyscanner

  • INVIATO CITTADINO Alle sei del mattino due giovanissimi dormono davanti alla vetrina di un negozio: chiamata la Polizia

  • Linea Verde Life fa tappa a Perugia ed elogia l’Antica Latteria di via Baglioni (le immagini)

  • Coronavirus in Umbria, la mappa al 20 settembre: tutti i dati comune per comune

  • Occhio allo smishing, la nuova truffa svuota conto corrente: basta rispondere ad un sms

  • Coronavirus in Umbria, la mappa al 19 settembre: tutti i dati comune per comune

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
PerugiaToday è in caricamento