menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Umbria massacrata dalla crisi: "Crollo del Pil nel 2016, è il dato peggiore d'Italia"

Diffusi i dati Istat per il 2016. Bravi (Ires Cgil): "Servono politiche serie per uscire dalla lunga notte della crisi"

L’Umbria? Va male. Anzi, malissimo. Il Pil del Cuore Verde d’Italia nel 2016 è un dato raggelante. Secondo le stime dell’Istat diffuse il 20 dicembre il prodotto interno lordo dell’Umbria è col segno meno. E Mario Bravi, presidente dell’Ires Cgil, lancia l’allarme: “Nel 2016 il PIL dell’Umbria è diminuito del 1,3% sull’anno precedente. Si tratta, potremmo aggiungere purtroppo, del peggior dato tra tutte le regioni italiane con un Pil Nazionale in crescita dello 0,9%”.

L’Istituto nazionale di statistica, spiegano dall’Ires, sottolinea esplicitamente questo dato negativo con le seguenti parole: “Tra le regioni del centro solo l’Umbria mostra una performance negativa, con una flessione del PIL pari a – 1,3%”. E ancora Bravi: “L’Istat evidenzia anche un dato negativo sul versante degli occupati (- 1,5% nel 2016) molto diverso dal 2015 quando c’era stato un +0,9%. Sempre nel 2016 i redditi da lavoro dipendente sono pari a 32.900 euro contro una media nazionale di 35.900 euro. Gli occupati umbri sulla popolazione residente sono pari al 41,5%, con un dato in questo caso migliore della media nazionale (40,5%)”.

In poche parole: profondo rosso. La situazione è disastrosa: “Il dato definitivo sull’andamento del Pil dell’Umbria – sottolinea Bravi - dovrebbe far riflettere rutti coloro che, sbagliando, avevano data per chiusa la fase di difficoltà della nostra regione. In realtà le difficoltà strutturali permangono e dimostrano l’esistenza di quello che la Cgil ha definito un “caso Umbria”, che richiede attenzione e non sottovalutazione e soprattutto interventi mirati e di prospettiva che ci facciano veramente uscire dalla lunga notte della “crisi”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PerugiaToday è in caricamento