menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Umbria, blocco delle retribuzioni e dei contratti per 48mila lavoratori

Cisal sul piede di guerra. Il segretario provinciale Filice: "Trovare le risorse o sarà scontro aperto"

Si è tenuto, qualche giorno fa, a Roma un convegno su “Una nuova politica economica per il benessere del Paese. Legge di Stabilità 2015: sfide aperte e occasioni mancate”, organizzato dalla Cisal - Confederazione italiana sindacati autonomi lavoratori. Relatori il segretario generale del sindacato, Francesco Cavallaro, il senatore Gaetano Quagliariello e Francesco Testa, professore straordinario di strategia aziendale all’Università telematica Pegaso. All’incontro ha partecipato anche Vincenzo Filice, segretario provinciale Cisal Perugia, che ha espresso forte perplessità sul blocco per il sesto anno consecutivo delle retribuzioni e dei contratti degli statali che in Umbria riguarda circa 48mila lavoratori. “Come se non bastasse – ha rimarcato Filice -, disponendo anche il rinvio del pagamento dell’indennità per la vacatio contrattuale fino al 2018. Una decisione inaccettabile che non può essere giustificata con la solita mancanza di risorse. I soldi per il rinnovo del contratto del pubblico impiego devono essere reperiti o sarà scontro aperto. Si continua di fatto a considerare la pubblica amministrazione come un costo e non un investimento”.

“I dipendenti pubblici attendono da troppi anni il rinnovo di un contratto che non è possibile rinviare ancora - è la replica del segretario Cisal Perugia -, in quanto gli stipendi non reggono più il passo con l’aumento vertiginoso del costo della vita. La percezione è che si continui a chiedere sacrifici ai soliti noti per non toccare altri interessi. Anziché tagli lineari, sarebbe necessaria una spending review che elimini gli sprechi che ci sono nelle ‘municipalizzate’ e nelle troppe consulenze palesemente clientelari. Solo così si libererebbero risorse sufficienti per una vera riforma della pubblica amministrazione, mettendola finalmente in grado di assolvere alla sua primaria funzione di ‘volano di sviluppo’ di un Paese moderno, capace di assicurare a cittadini e imprese servizi imparziali, efficienti e trasparenti”. “Affinché questo si realizzi è necessario che la politica esca definitivamente dalla gestione della p.a. – ha aggiunto Filice -, si acquisisca una vera cultura manageriale e si riscoprano e si rispettino valori quali merito e responsabilità a tutti i livelli decisionali e operativi. Bisogna decidere che cosa si vuol fare”.

“Invitiamo il presidente del consiglio Renzi a voler fare le riforme tanto decantate – ha continuato Vincenzo Filice -, anziché continuare a esaltare il bonus di 80 euro -  in realtà in media è di 50 euro perché variano in base al reddito –. La Cisal non è contraria, ma la misura è priva di equità e di organicità, dovrebbe essere estesa anche ad altri soggetti: pensionati, ‘incapienti’ e autonomi. Il risultato? La riduzione delle tasse non c’è e quella degli sprechi nemmeno”.

“Occorre, infine, dare un segno di riconoscimento al lavoro – ha concluso il segretario Filice -, soprattutto perché non si esce dalla crisi abbassando i salari e peggiorando le condizioni dei lavoratori. Ecco perché vorremmo che si chiuda una stagione lunga sei anni che ha portato all’impoverimento delle retribuzioni e delle pensioni. Se il governo non cambia strada troverà nei sindacati un fronte compatto di lotta”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Il Comune di Perugia cerca personale: i profili richiesti

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PerugiaToday è in caricamento