Economia

L'assessore Fioroni lancia Missione Futuro: bando per finanziare le start-up. Un format televisivo con esperti per spiegare il sostegno

Due milioni di euro previsti per spingere progetti innovativi. La presentazione ufficiale il 14 giugno su Umbria Tv: interverranno anche manager e addetti ai lavori

Dalla teoria alla pratica. Finanziare le start-up umbre - per iniziare a rivoluzionare e riconvertire il tessuto economico regionale - è stato uno degli interventi più richiesti dalle associazioni di categorie nel corso della Conferenza regionale sull'economia regionale. Ed ecco arrivare belle e confezionato il nuovo bando di sostegno firmato dall'assessore allo sviluppo Michele Fioroni che ha ribattezzata la miscura in Smart-Up. Il primo bando di questo genere - se ne prevedono altri nel corso della legislatura - ha una dotazione di due milioni di euro verranno finanziati progetti da un minimo di 30.000 euro ad un massimo di 400mila euro, che dovranno essere realizzati dalle imprese entro 12 mesi. E si rivolge alle start up innovative non costituite da più di 48 mesi.

Il 15 giugno il bando sarà pubblicato ma nel frattempo l'assessore Fioroni ha deciso di fare una presentazione innovativa più rivolta agli imprenditori che alla stampa e ai media, con tanto di interventi di super-consulenti ed esperti del settore. Il 14 giugno alle 20,30 su Umbria TV (Canale 10) andrà in onda un vero e proprio format televisivo: condurrà la trasmissione Maria Soave, giornalista del TG1, che intervisterà l’assessore allo Sviluppo economico della Regione Umbria, Michele Fioroni, e Riccardo Fontanelli, della Fondazione Ricerca e Imprenditorialità, istituzione con rilevanza nazionale sui temi dell’innovazione. Interverranno inoltre nel corso della trasmissione, la presidente della Regione Umbria Donatella Tesei, l’amministratore unico di Sviluppumbria, Michela Sciurpa, e una rosa di esperti, tra cui il professor Riccardo Varaldo, tra i primi teorici delle start-up in Italia e a lungo Rettore della Scuola Superiore Sant’Anna, Alessandro Piccioni, Business and Strategy Director di Nexi, e Carlo Battistelli, Responsabile Europa Acquisizioni Clienti di Amazon.

“Abbiamo voluto organizzare un evento totalmente diverso per la presentazione di questo bando e questa operazione non è banale – dichiara l’Assessore Michele Fioroni -. Stiamo lanciando numerose sfide al territorio, ma la vogliamo lanciare anche a noi stessi come Amministratori, pensando a nuovi schemi per raggiungere target come giovani e inventori. Rispetto al bando – aggiunge l’assessore - lo SMARTup è solo l’inizio di un paradigma nuovo per il supporto all’innovazione e l’idea è quella di alzare l’asticella, finanziando le imprese che hanno effettivamente un potenziale in termini di scalabilità e in grado di produrre ricadute effettive sull’economia regionale. A questa misura più sfidante – conclude - si unirà anche uno strutturato programma di accompagnamento che riguarderà sia la fase di compilazione della domanda, che quella di realizzazione del progetto”.

Tra le caratteristiche del bando: sarà concesso un finanziamento a fondo perduto del 50% o 40% e per la prima volta sarà introdotta una differenziazione del contributo, per tener conto del maggiore supporto di cui necessitano quelle attività che si trovano nelle prime fasi del processo di maturazione tecnologica. Sono state inoltre previste ulteriori maggiorazioni per le start up composte esclusivamente da donne e da giovani. Lo SMARTup prevedrà inoltre un’attività di accompagnamento precedente alla compilazione della domanda e realizzata durante lo sviluppo del progetto, che verrà svolta da Sviluppumbria con la collaborazione di importanti network esterni, quali la Fondazione Ricerca e Imprenditorialità. Anche la domanda di partecipazione al bando è stata profondamente cambiata e richiederà la realizzazione di un modello di business (Business Model Canvas), che servirà a comprendere se la start-up ha approfondito, oltre che l’aspetto tecnologico della propria invenzione, anche le potenzialità in termini commerciali e se ha quindi definito una strategia di business.

Come sempre un ruolo fondamentale per la gestione spetterà a Sviluppumbria: "Per quanto il Bando sia molto sfidante rispetto al passato - ha spiegato Michela Sciurpa - la nostra Agenzia è pronta a offrire tutto il supporto di cui le nuove imprese hanno bisogno. La sfida lanciata con questo Bando è perfettamente allineata con la missione rinnovata di Sviluppumbria che sta promuovendo una serie di attività per dare un concreto contributo alle realtà del territorio nello sviluppare i propri progetti imprenditoriali, soprattutto quelli più innovativi. Un ruolo – evidenzia - che vede l’Agenzia impegnata a creare sinergie tra istituzioni, centri di ricerca e imprese per sostenere un vero ecosistema umbro dell’innovazione in grado di favorire la nascita di start up e accompagnarle nei loro percorsi di crescita”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

L'assessore Fioroni lancia Missione Futuro: bando per finanziare le start-up. Un format televisivo con esperti per spiegare il sostegno

PerugiaToday è in caricamento