Lavorare in Umbria, 1 milione di euro per le cooperative di comunità che tutelano ambiente, tradizioni e quartieri

Il bando annunciato da Confcooperative Umbria. Possono attingere le nuove e quelle già costituite e i loro consorzi

Anche l’Umbria potrà attingere al premio per le cooperative di comunità, neo costituite o già attive e i loro consorzi. Ed è un premio consistente quello che Fondosviluppo ha deliberato: uno stanziamento di 1 milione di euro di partenza per dare seguito all’azione di sistema di Confcooperative volta alla promozione, all’animazione e alla sensibilizzazione della cooperazione di comunità quale strumento di coesione sociale e sviluppo sostenibile dei territori. 

Il Bando sarà aperto fino al  31 maggio 2020 ed è reperibile sul sito internet www.fondosviluppo.it  insieme al regolamento e alla modulistica per la presentazione delle domande. Gli uffici di Confcooperative sono a disposizione di tutti gli interessati ad approfondire questo strumento innovativo che, se per l’Umbria è ancora una novità, in altre aree interne nazionali sta generando esperienze dallo straordinario impatto socio-economico.ù

Secondo gli esperti di Confocoperative, le cooperative di comunità nate o che nasceranno in Umbria potranno svolgere molteplici attività con il coinvolgimento di persone fisiche, giuridiche e Enti Pubblici interessati allo sviluppo di ogni singolo territorio. Infatti devono perseguire la finalità comunitaria anche tramite la salvaguardia del patrimonio artistico, culturale, delle tradizioni, dei saperi e delle eccellenze agroalimentari del territorio. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

E’ stato il presidente nazionale di Confcooperative e di Fondosviluppo, Maurizio Gardini, a dare l’annuncio: “Si tratta di un investimento finalizzato a sostenere il ruolo delle cooperative, sentinelle del territorio, capaci di intercettare, più di ogni altra impresa, i bisogni delle comunità. Dove lo Stato si ritira, perché non è più in grado di organizzare servizi e risposte, le cooperative favoriscono l’autorganizzazione dei cittadini mettendoli in condizione di rispondere alle proprie esigenze”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, la mappa del contagio in Umbria all'1 aprile: tutti i casi per comune di residenza

  • Coronavirus, due persone in mezzo alla strada tirano calci alle auto: ma uno dei due finisce al "tappeto" (le foto)

  • Doveva restare in quarantena, ma un camionista ha continuato a lavorare: poi il malore, era positivo al coronavirus

  • Coronavirus, la mappa del contagio in Umbria al 3 aprile: tutti i dati per comune

  • Coronavirus, bollettino regionale Umbria 31 marzo: rallenta il contagio, aumenta invece il numero dei guariti

  • Coronavirus, il bollettino in Umbria 2 aprile. Altri segnali positivi: aumentano i guariti e 4mila fuori dall'isolamento, contagiati di nuovo in calo

Torna su
PerugiaToday è in caricamento