Made in Umbria, l'estate non rovente ci regalerà una ottima annata ma la crisi post-Covid...

Leggero calo della produzione. Preoccupa l’export dove il vino svolge un ruolo “traino”

La vendemmia 2020 in Umbria si attesterà intorno a 405mila ettolitri di vino e di mosto, con un calo del 5 per cento rispetto all’anno scorso (426mila ettolitri). È quanto riferisce la Coldiretti regionale sulla base delle ultime stime produttive di Ismea nel sottolineare una situazione sostanzialmente in linea con il trend previsto a livello nazionale, in calo dell’1% (-333mila ettolitri, da 47.533.000 a 47.200.000).

Già da un paio settimane ci si sta muovendo tra i circa 13mila ettari del “vigneto umbro”, caratterizzato da 21 denominazioni (Doc, Docg e Igt) che valgono alla produzione 56 milioni di euro, secondo l’ultimo Rapporto Ismea/Qualivita.  "A infondere ottimismo - ha afferma Ernesto Sportoletti produttore vitivinicolo di Spello - è comunque una vendemmia di qualità, caratterizzata da uve sane. Sul fronte del mercato interno siamo di fronte ad una ripresa anche se non a pieno ritmo; mentre l’export, specie a livello europeo e negli Stati Uniti, risente ancora della pandemia: meglio invece altri Paesi come il Giappone".

"Si prospetta un’annata interessante sul fronte della qualità delle uve, - ha  precisa Paolo Montioni imprenditore agricolo di Montefalco - anche in virtù di un’estate non particolarmente calda. Rispetto alla scorsa vendemmia probabile invece un calo a livello quantitativo". Tra i segnali positivi dell’ultimo periodo, una buona ripresa dell’enoturismo, a testimonianza dell’importanza del legame delle nostre eccellenze con l’ambiente e con le ricchezze del territorio.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La prima vendemmia in era Covid, dunque, è contrassegnata però da preoccupazioni non da poco con l’export nazionale nel mondo (nei primi cinque mesi dell’anno) che registra un calo del 4% dopo anni di segno positivo costante. Tutto questo all’interno di una situazione che vede anche le cantine umbre in difficoltà, per la chiusura durante il lockdown dei canali horeca e per il rallentamento della domanda.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Il buono postale regalato dalla nonna è scaduto e non pagabile, la nipote vince la causa

  • Perugia-Ancona, incidente tra auto e camion: muore 30enne

  • Fiera dei Morti, il Comune di Perugia pubblica l'avviso per gli operatori

  • Massacra la madre a furia di pugni e calci, cerca di bruciarla viva e poi scappa: catturato

  • Coronavirus in Umbria, la mappa al 21 settembre: tutti i dati comune per comune

  • Coronavirus, dopo Eurochocolate anche per i Baracconi altro "No": "Ignorato il nostro piano sicurezza"

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
PerugiaToday è in caricamento