menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Trg, licenziamento in massa dei dipendenti: scatta lo sciopero di tre giorni

I dipendenti di Trg, Tele Radio Gubbio, “riuniti in assemblea, rigettano e contestano, insieme all'Associazione Stampa Umbra ed alla Slc Cgil, il contenuto del documento con il quale l'azienda radiotelevisiva ha ufficialmente comunicato, nella serata di ieri, la volontà di licenziare sette dipendenti su quindici”. 

La contestazione, spiega una nota della Cgil, “è nel merito e nel metodo visto che l'azienda annuncia il dimezzamento del personale che passerebbe da sei a tre giornalisti (compreso il direttore), da sei a tre tecnici-operatori di ripresa e da 3 a 2 dipendenti in amministrazione. Una decisione che depotenzia irrimediabilmente l'azienda e che condanna a morte una emittente locale che ha segnato la storia dell’Umbria ed in cui operano riconosciute professionalità”. 

E ancora: “Una decisione inaccettabile, che arriva a conclusione, il 31 dicembre scorso, del Contratto di solidarietà applicato per tre anni a tutti i dipendenti e che testimonia la totale assenza di un piano di rilancio e di azioni concrete per garantire una adeguata attività editoriale della televisione e della emittente radiofonica. Una visione miope che taglia posti di lavoro subordinato e li vuole sostituire con collaborazioni esterne; una drastica riduzione dell'organico che peraltro arriva alla vigilia dell'approvazione dei decreti attuativi della Legge nazionale sull'editoria e della nuova legge regionale in materia. Ciò - come sottolineato più volte negli incontri tra le parti - appare una scelta incomprensibile e ingiustificata che consegna la radio Rgm e la Tv TRG ad una fine certa. Per questo i dipendenti, con il sostegno delle organizzazioni sindacali, annunciano tre giorni di sciopero a partire da domani venerdì 20 gennaio, che proseguiranno sabato 21 e lunedì 23 gennaio e che potranno essere estesi anche in date successive. Verranno infine adottate, insieme alle rappresentanze sindacali e alla Fnsi, tutte le azioni necessarie a scongiurare i licenziamenti ed il ridimensionamento di una emittente che riveste un ruolo importante nel panorama dell'informazione regionale”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PerugiaToday è in caricamento