Stop ai treni lumaca in Umbria, la Regione rassicura: "Domenica si tornerà alla normalità"

Torniamo a una velocità degna di un treno? “Le corse ferroviarie sulla rete Fcu dell'Umbria riprenderanno in modo pressoché regolare a partire dalla giornata di domenica 9 settembre”.  Ad annunciarlo è l’assessore regionale ai trasporti, Giuseppe Chianella il quale ricorda che  “a seguito  dell'entrata in vigore del Dm 5 agosto 2016, l’azienda Umbria Mobilità che gestisce l'infrastruttura ferroviaria regionale Fcu,  al pari di tutte le ferrovie ex concesse interconnesse alla rete nazionale, si è prontamente attivata per dare attuazione alle prescrizioni dell’Agenzia Nazionale per la Sicurezza Ferroviaria che   hanno fortemente condizionato  il servizio ferroviario con notevoli  disagi all'utenza. L’intenso e proficuo lavoro che abbiamo condotto insieme all’azienda unitamente alla positiva interlocuzione che abbiamo avuto  con Ansf e Mit  in questi giorni   – ha sottolineato Chianella – hanno permesso di risolvere  con soluzioni  semplici e soprattutto affidabili   le criticità  che avevano richiesto  il temporaneo abbassamento  a 50 Km/h del limite di velocità a seguito dell’entrata in vigore della norma nazionale.  Come ho avuto modo di sottolineare ripetutamente    – ha ribadito l’Assessore -   non   sono mai stati   in discussione né  la sicurezza della ferrovia né   ovviamente quella  dei servizi effettuati  da Busitalia poiché le dotazioni tecnologiche impiegate sull’infrastruttura e sul materiale rotabile,  le stesse comunemente impiegate nelle ferrovie non interconnesse alla rete nazionale che operano sotto il controllo dell’ Ufficio Speciale Impianti Fissi,  rimangono identiche  risultando altresì efficaci ed equivalenti a quelle indicate da Ansf grazie all’ulteriore   previsione   aggiuntiva del  doppio agente in cabina per il controllo dei segnali e l’introduzione di nuove procedure per l'effettuazione degli incroci. Tali misure integrative e di ulteriore mitigazione del rischio consentiranno   di affrontare in modo progressivo il processo di adeguamento   agli standard della rete ferroviaria nazionale che richiederà necessariamente tempi più lunghi anche in relazione al  trasferimento dell’infrastruttura a Rfi.

“La Regione Umbria – ha concluso l’assessore -  è impegnata da tempo a valorizzare l'infrastruttura ferroviaria, strumentale al servizio di trasporto, tanto che ha già presentato un primo studio di fattibilità per ottenere finanziamenti tali da realizzare gli adeguamenti della rete agli standard nazionali di cui al D.Lgs 112/2015 oltre che interventi di risanamento ed ammodernamento dell'infrastruttura e della sede.   L'adeguamento della rete agli standard nazionali richiederà l'installazione del sistema di terra SCMT, l'adeguamento degli impianti di segnalamento ed interventi di protezione/eliminazione di passaggi a livello impegnando per detti interventi, da completare in circa 4 anni, le necessarie risorse per rendere la linea di 153 km conforme agli standard nazionali”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nessuno vuole più indossare la toga? Esame da avvocato, domande al minimo storico

  • Muore a 39 anni schiacciato dal trattore, inutili i soccorsi

  • Ricerche sul monte Serrasanta a Gualdo Tadino, trovato il corpo del 40nne

  • Il Comune di Perugia assume personale, il bando e la scadenza

  • Umbria, colpito da infarto in banca: infermiere e vigile del fuoco fuori servizio gli salvano la vita

  • Cadavere in un canale, sul posto Carabinieri e Vigili del fuoco

Torna su
PerugiaToday è in caricamento