Trasporti, riunito tavolo sostenibilità: "Ottimizzare costi"

Durante la riunione del tavolo sostenibilità e territorio sono stati fissati gli obbiettivi per i trasporti: integrazione ferro-gomma e ottimizzazione dei costi

Minimetro

Garantire una programmazione unitaria in ambito regionale dei servizi pubblici di trasporto che preveda una forte integrazione ferro-gomma in modo tale da ottimizzare i costi di gestione.

E' con questo obiettivo che la Giunta dell'Umbria ha dato corso alla  rivisitazione dei contenuti della legge regionale "37/98", in materia di Trasporto Pubblico Locale. Nel pomeriggio digiovedì, durante la riunione del Tavolo sostenibilità e territorio, che si è tenuta a Palazzo Donini, l'assessore regionale ai trasporti, Silvano Rometti ha illustrato  i contenuti e le finalità del disegno di legge di modifica preadottato dalla Regione.  

"Visto che si sta assistendo ad una consistente riduzione delle risorse, il dibattito sul Trasporto pubblico regionale e locale si  intensifica sempre di più - ha detto Rometti - I trasporti pubblici infatti, garantiscono la mobilità ad un numero consistente di cittadini che ogni giorno per i loro spostamenti,  usano questo sistema. Allo stato attuale, l'obiettivo è quello di coniugare attraverso un sistema tariffario strutturato, le esigenze economiche delle Aziende del TPRL, fortemente penalizzate dall'esiguità dei contributi pubblici destinati a questi servizi, con la necessità di incentivare l'utilizzo dei mezzi pubblici di trasporto da parte dell'utenza.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In questo contesto - ha continuato l'assessore -  la procedura ad evidenza pubblica per l'affidamento dei servizi di TPL è oggi ancora più valida che in passato e conforta la scelta della Regione verso l'aggregazione delle aziende umbre di trasporto che si è concretizzata con la fusione di queste nell' Umbria TPL e Mobilità".

Per l'assessore: "Tutto ciò, ha reso necessaria la rivisitazione della legge regionale che mira anche a rendere più integrate le procedure tra gli enti che sono chiamati a programmare ed amministrare i servizi pubblici di trasporto superando la mentalità della sola gomma o del solo ferro".

Illustrando il nuovo testo, Rometti ha evidenziato che i punti salienti dell'aggiornamento della legge regionale "37/98" sono più di uno: primi tra tutti, ci sono il passaggio dagli attuali tre bacini di traffico ad un unico bacino, e l'obiettivo di favorire l'intermodalità attraverso l'inserimento tra i sistemi di trasporto pubblico locale,  anche di quelli effettuati con sistemi a fune su sede fissa, scale mobili, ascensori e tappeti mobili, ovvero quei sistemi che, comunemente, vengono definiti di mobilità alternativa, tra questi anche i parcheggi di interscambio.

Tra i punti definiti nel nuovo testo, in primo piano c'è anche quello della sinergia istituzionale, attraverso la sottoscrizione di uno o più accordi di programma tra enti locali e la Regione. "In particolare - ha precisato l'assessore Rometti -  le Province possono essere assegnatarie del compito di organizzare ed esperire le gare di appalto che contengano, oltre ai servizi minimi, anche quelli aggiuntivi, nonché il trasporto su ferro regionale e locale, quindi Trenitalia ed ex FCU".

Attenzione è stata dedicata anche all'eliminazione delle possibili sovrapposizioni di corse e di tratte, in particolare sulla medio-lunga percorrenza: "Vengono favorite inoltre, - ha precisato Rometti - una forte integrazione fra le diverse modalità di trasporto e l'incentivazione dei servizi ferroviari per gli spostamenti caratterizzati da medio-lunghe distanze e con frequentazioni significative".

Per Rometti il tema più significativo rimane proprio quello: "Della risorsa finanziaria che, essendo sempre meno garantita dallo Stato, pone la Regione davanti a scelte impegnative quali quella di un pesante intervento per rendere più efficiente l'intero sistema dei trasporti. L'ipotesi del bacino unico e la conseguente, necessaria , programmazione condivisa comporterà un notevole sforzo collaborativo da parte degli enti locali interessati, il cui contributo rimane indispensabile per il raggiungimento degli obiettivi da raggiungere".

 

Per muoverti con i mezzi pubblici nella città di Perugia usa la nostra Partner App gratuita !

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Concorso per l'assunzione di 2133 funzionari della pubblica amministrazione: il bando

  • Umbria, adolescenti trovati morti: uomo in carcere. Il cocktail micidiale di sciroppo e psicofarmaci

  • Umbria, Flavio e Gianluca morti dopo un mix di droghe: parlano i genitori

  • Omicidio Polizzi, la Cassazione scrive la parola fine: i Menenti tornano in carcere, Riccardo per sempre

  • Coronavirus in Umbria, il bollettino del 12 luglio: due nuovi positivi, aumentano gli isolamenti

  • Coronavirus in Umbria, la mappa al 12 luglio: tutti i dati comune per comune

Torna su
PerugiaToday è in caricamento