Trafomec, sale la tensione: sciopero e presidio davanti ai cancelli della fabbrica

Sindacati sul piede di guerra: "Vogliamo risposte. La Regione deve fare subito qualcosa"

Muro contro muro. E maniere forti. Le segreterie di Fiom Cgil e Fim Cisl, insieme alla rsu della Trafomec, hanno deciso di proclamare per venerdì 18 settembre tre ore di sciopero, a fine turno, e un presidio davanti ai cancelli dello stabilimento di Tavernelle.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

“Questa decisione  - spiegano i sindacati - arriva al termine di un’assemblea molto partecipata, dove la discussione si è incentrata su due punti in particolare: il primo chiama in causa l’azienda, per capire quali strategie intenda perseguire per rilanciare lo stabilimento. Problemi legati alla fase produttiva e di organizzazione, materiale che arriva con il contagocce: sono solo alcuni dei motivi che fanno emergere la percezione di crisi e disimpegno da parte aziendale. Il secondo nodo riguarda invece le Istituzioni, che hanno seguito la vicenda per un lungo periodo, ma che devono tornare al fianco dei lavoratori per verificare se quanto sottoscritto e condiviso circa venti mesi fa è stato rispettato, oppure, come da noi più volte denunciato, no”.

E ancora: “Si rende necessario, dunque, un intervento diretto della Regione, che ha condiviso e si è fatta garante di percorso, poi non rispettato. I lavoratori attualmente in organico ed anche quelli che il posto di lavoro lo hanno perso, chiedono a gran voce di fare chiarezza”. Di più: “Invitiamo tutto il territorio della Valnestore, dai suoi rappresentanti politici in primis, agli studenti, ai lavoratori del territorio, ai pensionati, e agli ex dipendenti della Trafomec, insieme, ovviamente, a tutti i dipendenti attualmente in organico – scrivono i sindacati - , a dar voce al disagio che si sta vivendo, sostenendo la nostra richiesta urgente d’incontro con la Regione dell’Umbria e con i firmatari di un accordo, importante per lo stabilimento, necessario per il territorio, vitale per i lavoratori. Invitiamo dunque l’intera cittadinanza a partecipare al presidio che si terrà venerdì 18 settembre dalle ore 14, davanti ai cancelli dell’azienda a Tavernelle”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Superenalotto, pensionato rigioca la schedina ma c'è una sorpresa: "Hai vinto 71mila euro"

  • Vincita da 1 milione al Gratta & Vinci. Gli appassionati della Smorfia ne ricavano 5 numeri per sbancare il lotto

  • Coronavirus: 4 positivi a Passignano sul Trasimeno, il sindaco blocca eventi, feste e cerimonie

  • Tragedia in Grecia: a Solomeo l'ultimo saluto a Carlotta Martellini, fiore appassito troppo in fretta

  • Magione, estate al Laguna Park: una vera "Trasimenide" all'insegna di relax, natura e divertimento

  • Università di Perugia, due nuovi corsi di laurea magistrale: Scienze della Terra per la Gestione dei Rischi e dell'Ambiente e Geology for Energy Resources

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
PerugiaToday è in caricamento