Economia

Tassa sui rifiuti 2017: quando pagare la prima rata, le scadenze e tutte le novità

Con decorrenza dal 2017 il versamento della Tari deve essere effettuato esclusivamente mediante l'utilizzo del Modello F24 dell’Agenzia delle Entrate

A seguito dell’approvazione delle tariffe Tari da parte del Consiglio Comunale (con deliberazione n. 32 del 20.03.2017, consultabile sul sito Internet del Comune di Perugia e di gesenu.it/tari), il gestore operativo del servizio, ossia Gesenu S.p.A, sta predisponendo gli avvisi di pagamento, comprensivi dei modelli per il versamento, che verranno recapitati nei prossimi giorni ai contribuenti tramite posta ordinaria e secondo le scadenze previste dal Regolamento che disciplina il tributo.

Scadenza pagamenti Le date di scadenza delle rate di versamento sono stabilite dal Regolamento dell’Imposta Unica Comunale, componente TARI. per l’anno 2017 sono le seguenti: prima rata: termine di scadenza 15 maggio 2017, seconda rata: termine di scadenza 31 maggio 2017, terza rata: termine di scadenza 31 luglio 2017, quarta rata: termine di scadenza 30 settembre 2017. E’ consentito il pagamento in unica soluzione entro il 16 giugno 2017.

Modalità di versamento Con decorrenza dal 2017 il versamento della TARI deve essere effettuato esclusivamente mediante l'utilizzo del Modello F24 dell’Agenzia delle Entrate, pagabile presso uno degli sportelli postali, bancari, degli agenti della riscossione (Equitalia) oppure tramite sistemi telematici. Per maggiori informazioni consultare il sito www.agenziaentrate.gov.it.  Il pagamento tramite Modello F24 non comporta costi aggiuntivi (ad es. tassa sui bollettini postali) e consente la possibilità di compensazione con altri crediti tributari.

Le domiciliazioni bancarie esistenti non potranno essere utilizzate per il pagamento dell’avviso tari 2017. Parimenti non potranno essere attivate nuove domiciliazioni bancarie per l’anno 2017 essendo prevista quale unica modalità di pagamento l’utilizzo del modello F24. Ciò in considerazione delle modifiche intervenute al regolamento Tari ed approvate dal Consiglio comunale lo scorso 20 marzo.

Il nuovo articolo 8 del Regolamento -al comma 1- stabilisce infatti che “il tributo è versato al Comune con la forma di riscossione prescelta (con provvedimento dirigenziale annuale) dall’Ente”, ossia di solito il modello F24. “Il Comune (comma 2) riscuote direttamente il tributo in base ad apposito avviso di pagamento inviato dal gestore contenente importi, superfici, ecc.

Dichiarazione in caso di nuovi utenti o per intervenute variazioni I soggetti passivi del tributo, in caso di nuove utenze o di intervenute variazioni, sono tenuti a presentare la dichiarazione della TARI, redatta su modello messo a disposizione dal Comune di Perugia, entro il termine del 30 giugno dell’anno successivo alla data di inizio del possesso o della detenzione dei locali e delle aree assoggettabili al tributo.

La dichiarazione ha effetto anche per gli anni successivi, a meno che non si verifichino modificazioni dei dati dichiarati da cui consegua un diverso ammontare del tributo. In tal caso, la dichiarazione va presentata entro il 30 giugno dell’anno successivo a quello in cui sono intervenute le modificazioni. Tutte le informazioni utili sul sito istituzionale: www.comune.perugia.it e su quello del gestore www.gesenu.it

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Tassa sui rifiuti 2017: quando pagare la prima rata, le scadenze e tutte le novità

PerugiaToday è in caricamento