rotate-mobile
Economia

La cena dei Vip a San Siro per la finale di Supercoppa Italiana è stato un trionfo dei sapori umbri: dal super-chef al vino di una super-annata

Una finale di calcio dai forti sapori umbri ma non in campo. Il terreno di gioco in questo caso è stata la tavola imbandita nella sala Executive Lounge dello Stadio “Giuseppe Meazza” in occasione della Supercoppa Frecciarossa tra Inter e Juventus. A firmare tutti i piatti è stato lo starchef umbro Gianfranco Vissani ma a rimpiere i calici ci ha pensato  - in anteprima assoluta - la nuova annata, la 2018, del Sagrantino di Montefalco Collepiano dell’azienda agricola Arnaldo Caprai, con cui hanno brindato gli ospiti della Lega (dal ct  della Nazionale Roberto Mancini a Paolo Bonolis, solo per citarne un paio).  

 La 2018 è stata un’annata piovosa in primavera e siccitosa durante i mesi estivi, condizioni che hanno permesso una perfetta maturazione delle uve: a questo si aggiungono 22 mesi in barrique di rovere francese e almeno 6 mesi in bottiglia che hanno conferito al Collepiano di arricchirsi di aromi di confettura di mora, pepe, chiodo di garofano e vaniglia, una nota balsamica e un tocco di cipria, mentre in bocca risulta potente, setoso, appagante, perfetto abbinamento di piatti a base di selvaggina, spezzatini e carni arrosto.  Un vino straordinario come il suo debutto in Supercoppa Italia.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La cena dei Vip a San Siro per la finale di Supercoppa Italiana è stato un trionfo dei sapori umbri: dal super-chef al vino di una super-annata

PerugiaToday è in caricamento