Un po' di sollievo per i nostri allevatori: cinque milioni per aiutare le aziende che hanno pagato lo scotto del sisma

Da una prima stima del Ministero, molto probabilmente i nuovi premi saranno fissati in 75 euro per ciascun capo bovino posseduto, 11 euro per ogni ovino e 5 euro per ogni suino

Cinque milioni di euro per aiutare gli allevatori che, anche in Umbria, hanno subito i pesanti effetti dei terremoti. I soldi destinati alle aziende zootecniche del cratere del sisma, derivano da economie registrate dal Ministero delle politiche agricole nell’annualità 2017.  Il provvedimento dovrebbe arrivare nelle prossime settimane ed è stato annunciato nel corso di un incontro che si è svolto nei giorni scorsi ad Ascoli Piceno.

“E’ senza dubbio una sorpresa positiva ed una buona notizia per gli allevatori che, anche in Umbria, hanno subito danni e disagi a seguito dei terremoti del 2016-2017 – ha commentato l’assessore regionale alle politiche agricole Fernanda Cecchini - Questi ulteriori finanziamenti, che saranno destinati a compensare il mancato reddito del comparto zootecnico, saranno dunque un  sostegno per i nostri allevatori che andrà ad aggiungersi alle misure già messe in campo da Ministero e Regioni fin dai primi giorni dell’emergenza post-sisma”.  Da una prima stima del Ministero, molto probabilmente i nuovi premi saranno fissati in 75 euro per ciascun capo bovino posseduto, 11 euro per ogni ovino e 5 euro per ogni suino.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Cresima e comunione insieme, l'arcivescovo cambia tutto: niente padrini e madrine per tre anni

  • Boato nella notte, salta in aria la vetrina del negozio di Acqua&Sapone di Madonna Alta

  • Carrefour sbarca in Umbria: ecco quanti saranno i punti vendita

  • Bambina di 12 anni all'ospedale per mal di pancia, ma è incinta

  • Schianto in galleria: grave una mamma, ferite lievi per i figli che viaggiavano con lei

  • L'azienda umbra che batte la crisi: Molini Popolari Riuniti, il fatturato tocca i 67,5 milioni di euro

Torna su
PerugiaToday è in caricamento