Economia

Servizio Civile, tutto pronto per il bando: spazio per 322 volontari umbri, in aiuto agli sfollati

I progetti saranno finanziati con risorse del Fondo nazionale per il servizio civile e potranno essere presentati, al Servizio regionale competente facente capo all'assessorato regionale alla Salute, alla Coesione sociale e al Welfare

Una doppia opportunità: guadagnare qualche soldo e allo stesso tempo dare una mano alla propria regione per la ricostruzione sismica della Valnerina. Torna il bando per il servizio civile da svolgere sul territorio regionale ma per 322 giovani al di sotto i 29 anni di età, il lavoro sarà tutto incentrato all'interno del cratere. I progetti saranno finanziati con risorse del Fondo nazionale per il servizio civile e potranno essere presentati, al Servizio regionale competente facente capo all’assessorato regionale alla Salute, alla Coesione sociale e al Welfare, entro le ore 14.00 del 10 marzo 2017.

“Saranno 322 i volontari - ha spiegato l'assesore regionale Baberniche verranno impiegati nei quindici Comuni terremotati dell’Umbria e in quelli che ospitano temporaneamente persone sfollate a causa degli eventi sismici, attraverso progetti di Servizio civile nazionale il cui obiettivo è fornire ulteriori forme di assistenza alle popolazioni colpite dal sisma e di supporto alle amministrazioni locali coinvolte, per favorire il ritorno alla normalità”. 

Il bando è rivolto ai Comuni e agli enti iscritti all’Albo nazionale agli Albi delle Regioni e delle Province. Sarà la Regione Umbria a coordinare i progetti, attraverso tavoli di coprogettazione che coinvolgeranno tutti i soggetti interessati, e ad esaminarli attraverso una valutazione di idoneità. Quelli risultati idonei verranno pubblicati in appositi bandi regionali per la selezione dei volontari, redatti dal Dipartimento della Gioventù e del Servizio civile nazionale e pubblicati sul sito dell’ente e delle Regioni interessate.

“Abbiamo fortemente voluto questo bando speciale per il servizio civile – evidenzia l’assessore Barberini – per dare ulteriori risposte e risorse alle aree colpite dal sisma, attraverso una collaborazione fattiva tra diversi soggetti istituzionali e associazioni del territorio. Oltre a fornire un aiuto concreto ai Comuni e alle popolazioni interessate, offriamo anche un’importante esperienza formativa e lavorativa a tanti giovani della regione”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Servizio Civile, tutto pronto per il bando: spazio per 322 volontari umbri, in aiuto agli sfollati

PerugiaToday è in caricamento