Manovra, Cgil: 4 ore di sciopero generale il 12 dicembre

Sarà sciopero generale di 4 ore anche in Umbria lunedì 12 dicembre. Lo ha indetto la Cgil in concomitanza con l'avvio del percorso della manovra economica in aula alla Camera

La Cgil ha indetto uno sciopero di 4 ore per la giornata di lunedì 12 dicembre 2011 per protestare contro la nuova Manovra economica proposta dal governo Monti.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Una manovra che, secondo il sindacato, contiene poche novità positive e molte parti gravi che non la configurano come una manovra equa, ma che caricano al contrario su lavoratori e pensionati un fardello pesantissimo.

“La non indicizzazione per le pensioni basse è una tassa sulla povertà – spiega in una nota Corso d'Italia - l’anzianità a 40 anni diventa impraticabile e provoca gli effetti di sottrazione di un diritto e di destabilizzazione del mercato del lavoro e, per restare ai temi centrali, la somma di IMU, IVA e addizionali IRPEF di Regioni e Comuni, più le accise, spostano sui soliti noti gran parte delle entrate per tassazione.

“In Umbria le ragioni dello sciopero sono ulteriormente rafforzate – afferma Mario Bravi, segretario generale della Cgil regionale umbra – nella nostra regione, infatti, le pensioni sono mediamente più basse che nel resto del Paese e la mancata indicizzazione al cos bto della vita sarà un colpo durissimo per migliaia di pensionate e pensionati. Oltre a questo nella manovra mancano completamente elementi volti a favorire la ripresa economica e industriale, di cui l'Umbria, attraversata da tante crisi pesantissime, avrebbe invece estremamente bisogno. Infine – conclude Bravi – gli ulteriori tagli agli enti locali rischiano di mettere ancor più a repentaglio i livelli qualitativi e quantitativi del nostro welfare, patrimonio fondamentale di questa regione, e di costringere gli amministratori locali ad aumentare pesantemente le addizionali, colpendo ancora una volta lavoratrici, lavoratori, pensionate e pensionati già fortemente penalizzati”.

“A fronte di questa situazione intollerabile – aggiunge Bravi - chiediamo a tutte le forze politiche e soprattutto ai parlamentari umbri di prendere una posizione netta contro le misure inique contenute nella manovra e di contribuire con i tutti i mezzi a renderla più giusta ed equa”.

La Cgil sottolinea, infine, di aver proposto a Cisl e Uil di decidere insieme azioni ed iniziative per cambiare la manovra. “La risposta – spiega in una nota la confederazione - ci è arrivata tramite conferenza stampa con relative autonome decisioni”. Di conseguenza la scelta di proclamare autonomamente le 4 ore di stop per lunedì, che saranno accompagnate da manifestazioni e presidi anche sul territorio regionale. Nei prossimi giorni i dettagli sulla mobilitazione.

 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Aste giudiziarie, l'occasione per "rifarsi" l'auto: dall'audi Q2 praticamente nuova alla Mercedes a 50 euro

  • Covid19, parte l'indagine sierologica a Perugia: Istat seleziona cittadini, occhio al numero telefonico

  • Perugia, incendio alla Biondi recuperi: vigili del fuoco in azione, nube nera in cielo

  • Coronavirus, la Usl Umbria 2: "Quattro nuovi casi di positività", tamponi ai familiari

  • La Usl Umbria 1 vende 24 auto, come fare un'offerta per partecipare all'asta

  • Scontro tra auto a Umbertide: morte due persone, un'altra è rimasta ferita

Torna su
PerugiaToday è in caricamento