Migliaia di lavoratori umbri senza contratto, scatta lo sciopero: "Vogliamo dignità"

Braccia incrociate nei settori pulizie, multiservizi, ristorazione collettiva e agenzie di viaggio

Braccia incrociate: “Oltre un milione e mezzo di lavoratrici e lavoratori in Italia, diverse migliaia in Umbria – scrive la Cgil in una nota - , aspettano il loro contratto da anni”. E allora, sciopero. Le trattative avviate nei mesi scorsi si sono interrotte senza trovare una soluzione condivisa tra le parti, e le organizzazioni sindacali Filcams Cgil, Fisascat Cisl, Uiltucs e Uiltrasporti hanno proclamato uno sciopero unitario degli addetti dei diversi settori per l’intera giornata di domani, venerdì 31 marzo. Braccia incrociate nei settori pulizie, multiservizi, ristorazione collettiva e agenzie di viaggio

“Anche nella nostra regione – spiegano i segretari dei sindacati umbri – il livello di sopportazione è arrivato al limite e le tante affollate assemblee che abbiamo tenuto nei posti di lavoro fanno ben sperare per una grande riuscita dello sciopero”.

E ancora: “Ci rendiamo conto – continuano i rappresentanti di Filcams, Fisascat, Uiltucs e Uiltrasporti - che questo comporterà sicuramente dei disagi per l’utenza, ma dopo tanti anni, pur garantendo il servizio minimo come per legge nelle strutture di pubblica utilità, non si può fare a meno di uno sciopero che vada dalla Sicilia alla Val d’Aosta passando per la nostra regione e che tenti di riportare al centro la dignità di chi lavora a volte nell’ombra, pulendo i nostri uffici all’alba, o cucinando i nostri pasti e quelli dei nostri figli”.

Le lavoratrici e i lavoratori umbri raggiungeranno con autobus organizzati da Perugia e Terni a manifestazione nazionale che si terrà a Roma in Piazza della Bocca della verità dalle ore 9.00. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragedia a Perugia: minorenne trovato in casa senza vita

  • Coronavirus in Umbria, la mappa al 12 gennaio: tutti i dati comune per comune

  • Coronavirus, anche l'Umbria verso la "zona arancione": cosa si potrà fare e cosa sarà vietato

  • Umbria "arancione", Presidente Squarta: "E' assurdo". Lettera alle altre Regioni: "Uniti per ottenere subito soldi per i commercianti"

  • Coronavirus in Umbria, la mappa al 13 gennaio: tutti i dati comune per comune

  • Coronavirus in Umbria, la mappa al 16 gennaio: tutti i dati comune per comune

Torna su
PerugiaToday è in caricamento