menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Nardi Spa, lo sciopero va avanti: "Niente stipendio da mesi, lavoratori con l'acqua alla gola"

Su richiesta dei sindacati la Regione Umbria ha attivato le procedure per l’apertura di un tavolo istituzionale

Prosegue lo sciopero con picchetto e blocco delle merci dei lavoratori della Nardi Spa di San Giustino. La decisione è stata presa oggi, 15 gennaio, nel corso dell’assemblea che i sindacati, Fim, Fiom e Uilm, hanno tenuto con i lavoratori dell’azienda metalmeccanica umbra, “visto che  - sottolineano i sindacati - negli ultimi giorni non ci sono stati passi in avanti su nessun fronte: continuano a non arrivare gli stipendi arretrati, con i lavoratori e le loro famiglie che sono ormai con l’acqua alla gola, mentre dalla nuova proprietà non c'è alcuna risposta rispetto alla richiesta di incontro avanzata dai sindacati”.

“È sempre più forte la preoccupazione tra i lavoratori per l’evidente mancanza di un interlocutore chiaro con il quale intavolare un ragionamento sul futuro industriale di questo sito strategico per il territorio e per l’Umbria - spiegano Maurizio Maurizi, segretario generale della Fiom Cgil di Perugia, Adolfo Pierotti, segretario generale della Fim Cisl Umbria e Daniele Brizi, segretario della Uilm Uil di Perugia - di questo abbiamo parlato anche con i rappresentanti istituzionali che oggi hanno raggiunto il presidio (il deputato Walter Verini, l’assessore regionale Fernanda Cecchini e i sindaci di Città di Castello e San Giustino, Luciano Bacchetta e Paolo Fratini), esternando tutti i nostri timori su quella che sembra ad oggi più un’operazione di speculazione finanziaria che un semplice passaggio di mano di un’azienda”.

Da parte loro - riferiscono i sindacati - i rappresentanti istituzionali, oltre ad esprimere solidarietà ai lavoratori, hanno assicurato un impegno concreto. "La giunta regionale, su nostra richiesta - spiegano Fim, Fiom e Uilm - si è attivata per convocare un tavolo istituzionale con la nuova proprietà e le parti sociali, cercando di coinvolgere anche il governo nazionale. Al contempo, le amministrazioni di Città di Castello e San Giustino hanno assicurato il massimo impegno nell’ambito delle loro competenze per difendere una realtà industriale vitale per l’intero Alto Tevere”. 

Da parte loro Fim, Fiom e Uilm hanno accolto positivamente il contributo delle istituzioni, ribadendo però che “il tempo è strettissimo ed è necessario concretizzare subito gli impegni presi”. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Il Comune di Perugia cerca personale: i profili richiesti

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PerugiaToday è in caricamento