menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

"Salvate quei 50 precari della Provincia di Perugia sono fondamentali per aziende e cittadini"

La Provincia di Perugia, seppur declassata con la nuova riforma, continua però ad erogare servizi... e soprattutto stipendi. Il caso di 50 precari che si occupano dei Centri per l'Impiego. I sindacati: ecco perchè devono essere rinnovati...

La declassata Provincia di Perugia deve o no rinnovare il contratto ai 50 precari presenti oppure deve portare avanti i servizi con gli uomini e le donne in organico a tempo indeterminato? Il bilancio, già precario, dell'ente può sopportare una spesa simile? Interrogativi a cui che Cgil, Cisl e Uil hanno voluto rispondere mettendo sul piatto delle assunzioni pubbliche l'utilità di quei 50 precari che "devono essere riconfermati dopo la scadenza del loro contratto alla fine di dicembre 2014". I lavoratori pubblici a tempo determinato sono tutti impiegati nei Centri per l'Impiego gestiti dalla Provincia.  

"E' necessario che le istituzioni - scrivono i responsabili della funzione pubblica della Cgil, Cisl e Uil - prendano piena consapevolezza politica che, senza le professionalità dei precari, sia la Provincia di Perugia che la Regione dell'Umbria non potrebbero erogare i servizi per l'impiego e le politiche attive. I numeri impressionanti riguardanti l’utenza ci indicano, infatti, che solo nel primo semestre del 2014 i CPI della Provincia di Perugia hanno svolto 50.988 colloqui di accoglienza, 18.446 colloqui di orientamento, 13.565 interventi di mediazione che hanno coinvolto 6.188 utenti, oltre a servizi per le aziende, oltre 5000 colloqui di politica attiva per percettori di ammortizzatori sociali e circa 1000 servizi per disabili e categorie protette". 

Sono, inoltre, programmati fino alla fine di gennaio oltre 4000 appuntamenti con aderenti al programma “Garanzia Giovani” che senza i precari non potrebbero essere attivati. Per poter rinnovare questi 50 contratti è fondamentale l'intervento della Regione con fondi propri da trasferire alla Provincia oppure deve prendersi in carico tutti i lavoratori e la gestione dei centri per l'impiego. Tutto questo in tempi di tagli mostruosi per gli enti locali voluti dal Presidente Matteo Renzi.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Coronavirus, bonus di 2400 euro: ecco a chi spetta

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PerugiaToday è in caricamento