rotate-mobile
Venerdì, 2 Dicembre 2022
Economia

Regione Umbria, ecco il bando per creare nuove imprese: tutte le novità

Fioroni: "Piccolo, ma importante, tassello di una politica che crede e sostiene chi ha il coraggio di fare impresa"

E’ stato approvato dalla giunta Tesei il nuovo Bando per la creazione di impresa.  Il bando, spiega la Regione in una nota, "sarà riservato alle piccole e medie imprese aventi sede operativa nel territorio dell'Umbria ed è aperto a società cooperative, imprese individuali, lavoratori autonomi titolari di partita Iva, società tra professionisti iscritti ad albi professionali" e "verrà pubblicato entro fine ottobre e rimarrà aperto fino al 31 gennaio 2023, con risorse per 1 milione di euro". Nel bando, prosegue la Regione, "saranno inoltre previste premialità per donne e giovani, a cui verranno riservati il 40% e il 25% delle risorse".

Palazzo Donini sottolinea che "rispetto al passato, la misura è stata profondamente modificata: oltre alle imprese costituite dal 1 gennaio 2022, per la prima volta la misura viene aperta anche ad imprese che ancora non si sono costituite, ma che lo faranno entro 90 giorni dall’accoglimento della domanda. Inoltre, differentemente dagli altri anni, oltre al finanziamento a tasso agevolato del 75%, gli aspiranti imprenditori potranno beneficiare anche di un’agevolazione a fondo perduto del 20%, e saranno finanziati sia investimenti (minimo 60% del progetto imprenditoriale) che le spese correnti (fino ad un massimo del 40%)".

Nel nuovo bando "sono state inoltre ampliate le spese ammissibili, introducendo anche studi di fattibilità, business plan, consulenze e formazione specialistica, per dotare i beneficiari di tutti gli strumenti necessari per avviare la propria impresa".

"Il Bando dedicato alla creazione di impresa è un piccolo, ma importante, tassello di una politica che crede e sostiene chi ha il coraggio di fare impresa - evidenzia l’assessore Michele Fioroni - . In questo periodo così complesso, abbiamo inserito degli elementi di aiuto importanti, come il fondo perduto, mai previsto negli anni precedenti, e il riconoscimento fino al 40% delle spese correnti, per tenere conto dell’aumento delle materie prime e delle utenze. Non banale, inoltre, è il fatto che potranno fare domanda delle imprese ancora non costituite, una scelta che viene incontro alle tante richieste che mi arrivano di giovani che vogliono lanciare la propria impresa, ma che devono partire da zero. Sempre per dare un supporto aggiuntivo ai futuri imprenditori, - ha aggiunto -  Sviluppumbria svolgerà delle attività non solo di accompagnamento iniziale, ma di tutoraggio per ben 3 anni dalla costituzione dell’impresa. Anche questo è un cambiamento fondamentale, che testimonia quanto siamo consapevoli che fare impresa sia effettivamente un’impresa oggigiorno, un’impresa che la Regione vuole supportare in tutti i modi”.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Regione Umbria, ecco il bando per creare nuove imprese: tutte le novità

PerugiaToday è in caricamento