Effetti collaterali da Coronavirus, la Regione istituisce una nuova task-force per salvare aziende e posti di lavoro

Convocato d'urgenza un tavolo con le associazioni di categoria. Si corre ai ripari dopo psicosi e gestione nazionale del virus discutibili

Non fa solo paura il contagio potenziale da coronavirus - in umbria un solo caso sospetto e tra l'altro il primo tampone è risultato negativo -, preoccupano le istituzioni e dovrebbero preoccupare tutti noi gli effetti collaterali che, complice la psicosi e i ritardi nazionali nella gestione di questa patologia, si riverseranno sulla fragile economica di casa nostra. La Regione ha deciso di dare vita, a partire da oggi pomeriggio, anche ad una task-force salva economia dell'Umbria dopo quella giù attivata da setimane dall'assessore Coletto per prevenire e arginare il coronavirus.

EDITORIALE - Coronavirus, giusto avere paura, sbagliato gridare alla pandemia: restiamo lucidi, in ballo c'è il nostro futuro

L’Assessore allo Sviluppo economico, Michele Fioroni e l’Assessore al Turismo, Paola Agabiti, hanno convocato per oggi, un tavolo di crisi con le associazioni di categoria. Obiettivo: predisporre misure e individuare gli strumenti giusti per salvare le imprese e i posti di lavoro. Settori come la moda e il food, in chiave export, erano stati gli unici in questi anni di crisi a tenere a galla l'Umbria, ora si rischia un forte ridimensionamento. "La tutela della salute dei cittadini è assoluta priorità ed al contempo è necessario predisporre immediatamente misure idonee a tutelare anche gli operatori economici della nostra Regione": hanno ribadito dalla Regione. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, la mappa del contagio in Umbria all'1 aprile: tutti i casi per comune di residenza

  • Coronavirus, purtroppo altre 3 persone decedute negli ospedali di Foligno, Pantalla e Terni. Sono 24 in Umbria

  • L'Umbria apre tutte le sue bocche di fuoco contro il virus: test rapidi, 2mila tamponi al giorno e 25mila controlli mirati

  • Coronavirus, bollettino regionale del 29 marzo: 1023 contagiati, cresce il numero dei guariti, 'solo' in 46 in terapia intensiva

  • Coronavirus, quando finirà l'emergenza? Le previsioni per l'Umbria

  • Coronavirus, bollettino regionale Umbria 31 marzo: rallenta il contagio, aumenta invece il numero dei guariti

Torna su
PerugiaToday è in caricamento