menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

La Regione mette mano al portafoglio: 9 milioni per i deboli, i poveri e gli immigrati dell'Umbria

La Giunta regionale dell’Umbria ha approvato lo schema di riparto per l’anno 2016 delle risorse del Fondo Sociale Regionale e del Fondo Nazionale per le Politiche Sociali

La Giunta regionale dell’Umbria ha approvato lo schema di riparto per l’anno 2016 delle risorse del Fondo Sociale Regionale e del Fondo Nazionale per le Politiche Sociali: lo rende noto l’assessore alla Coesione sociale e Welfare, Luca Barberini, precisando le risorse ammontano a oltre 9 milioni di euro, destinati a interventi a favore di minori, anziani, disabili, famiglie povere e vulnerabili, immigrati e persone non autosufficienti, di cui  la quota nazionale è pari a circa 4,6 milioni mentre quella regionale ammonta a circa 4,5 milioni di euro, prevedendo anche un milione di euro per il Piano Regionale Integrato per la Non Autosufficienza e 100mila euro per la gestione delle emergenze sociali nelle aree colpite dal sisma.

“Si tratta di un atto importante – ha spiegato l’assessore Barberini – che conferma l’attenzione della Regione al tema del sociale, soprattutto verso chi sta più indietro in questo momento di difficoltà. L’obiettivo è dare risposte concrete ed efficaci ai bisogni dei territori, che avranno un ruolo da protagonista nella gestione dei fondi, attraverso le Zone Sociali e i Comuni, per qualificare al massimo la rete dei servizi, mentre la Regione svolgerà una sorta di regia centrale, in termini di programmazione. Le risorse sono state attribuite individuando macroaree d’intervento, con particolare attenzione all’area ‘Povertà’ a cui verranno assegnati oltre 2 milioni di euro per percorsi inclusivi di singoli e famiglie maggiormente vulnerabili. Oltre 1,6 milioni di euro – continua l’assessore – andranno ai minori per promuovere e tutelare il loro benessere, favorire opportunità educative di socializzazione, prevenire e contrastare fattori di disagio. Più di 1,4 milioni di euro saranno a favore delle persone con disabilità, con servizi e interventi socio assistenziali, mentre circa 860mila euro per anziani non autosufficienti senza reti di sostegno o deboli, senza casa e con reddito insufficiente. Oltre 280mila euro sono stati invece stanziati per interventi mirati verso famiglie con reddito medio-basso, collocabili appena sopra la linea della povertà. È stato previsto anche un fondo di 250mila euro, con risorse nazionali, per politiche di integrazione e inclusione sociale degli immigrati”.

Barberini evidenzia anche che “all’interno di questo riparto, un milione di euro è stato assegnato per il Piano Regionale Integrato per la Non Autosufficienza, aggiungendosi ai 3 milioni di euro già stanziati dalla Regione in questo ambito. Sono state inoltre previste risorse per il sostegno alla gestione associata dei fondi e alla reti degli Uffici della cittadinanza istituiti nelle varie Zone Sociali.  Centomila euro, relativi al Fondo Sociale Regionale, sono stati infine destinati alla gestione dei servizi sociali per l’emergenza terremoto 2016, secondo le effettive necessità del territorio interessato”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PerugiaToday è in caricamento