rotate-mobile
Giovedì, 19 Maggio 2022
Economia Gubbio

Gubbio, via libera ai cementifici per utilizzare come carburante rifiuti urbani e rifiuti speciali ma non pericolosi

Potenziamento da parte di Arpa del sistema di monitoraggio delle emissioni

Arriva l'autorizzazione ufficiale, anche dopo il “Decreto semplificazioni” del Governo, i cementifici di Gubbio potranno utilizzare come "carburante" rifiuti urbani e rifiuti speciali non pericolosi. L'annuncio porta la firma dell’assessore regionale all’Ambiente, Roberto Morroni, che ha comunicato che il Servizio regionale competente ha provveduto all’aggiornamento dell’Autorizzazione Integrata Ambientale (AIA),  già in possesso delle cementerie di Gubbio,  "per integrare nel provvedimento autorizzativo specifiche prescrizioni e condizioni di monitoraggio e controllo concernenti l’utilizzo di Combustibile Solido Secondario-combustibile (CSS-C) derivante dalle operazioni di recupero di rifiuti urbani e/o di rifiuti speciali non pericolosi".

Entrambe le cementerie eugubine avevano trasmesso in data 17 novembre fino ad un massimo di 50.000 tonn/anno, Combustibile Solido Secondario-combustibile (CSS-C)  in parziale sostituzione (45%) del combustibile fossile attualmente utilizzato per la produzione di cemento (coke di petrolio e/o carbone fossile).

 “Con il ‘Decreto semplificazioni’ – rileva l’assessore Morroni - si è voluto eliminare il ricorso alle procedure di valutazione ambientale, non necessarie in quanto il decreto 22/2013 ha già stabilito con quali modalità il CSS-Combustibile può essere utilizzato senza che venga arrecato pericolo per la salute umana e senza pregiudizio per l’ambiente. Tale semplificazione non ha fatto venir meno l’impegno degli uffici regionali e di ARPA Umbria affinché l’utilizzo del CSS-Combustibile sia effettuato in condizioni di massima sicurezza tramite l’utilizzo di sistemi di controllo conformi alle migliori e più moderne tecniche disponibili già adottati in altre regioni italiane. Per ultimo -conclude Morroni - vorrei sottolineare che l’utilizzo del CSS-Combustibile nei cementifici di Gubbio avverrà al di fuori della gestione del ciclo dei rifiuti regionale”.

 Il “Decreto semplificazioni” ovvero il D. L. 77/21 - Governance del Piano nazionale di ripresa e resilienza- approvato con legge di conversione 29 luglio 2021 n. 108,  all’art. 35 “misure di semplificazione dell’economia circolare” ha stabilito che la sostituzione di combustibili tradizionali con Css-combustibile conforme ai requisiti di cui al Decreto del Ministro dell’Ambiente n.22 del 2013, non costituisce modifica sostanziale e richiede il solo aggiornamento del titolo autorizzatorio, da comunicare all’autorità competente quarantacinque giorni prima dell’avvio della modifica.

E' stato concordato con ARPA uno specifico protocollo di monitoraggio della qualità del Css-C e che il primo utilizzo potrà essere effettuato trascorsi 90 giorni dall’aggiornamento delle convenzioni per il monitoraggio della qualità dell’aria-ambiente. Anche il sistema di monitoraggio in continuo delle emissioni al camino sarà oggetto di potenziamento.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Gubbio, via libera ai cementifici per utilizzare come carburante rifiuti urbani e rifiuti speciali ma non pericolosi

PerugiaToday è in caricamento