menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

L'unione fa la forza: una voce unica per gridare al mondo che l’Umbria non è tutta terremotata

Nasce in Umbria l’Assogal, il coordinamento tra i Gruppi di Azione Locale, per la promozione della regione: 50 milioni di euro di budget

Una voce unica per gridare al mondo che l’Umbria non è tutta terremotata. Nasce in Umbria l’Assogal, il coordinamento tra i Gruppi di Azione Locale costituiti nella nostra regione per la gestione del programma Leader sul sostegno allo sviluppo rurale previsto dal Psr. L’iniziativa è stata presentata questa mattina, giovedì 9 marzo, nel Salone d’Onore di Palazzo Donini a Perugia, dall’assessore regionale alle politiche agricole, Fernanda Cecchini e dai presidenti dei Gal (Media valle del Tevere, Alta Umbria, Valle Umbra e Sibillini, Ternano e Trasimeno-Orvietano).

“Oltre a valorizzare e stimolare la crescita produttiva ed economica sui propri territori – ha affermato l’assessore - i Gal dell’Umbria, hanno sempre collaborato attivamente nella programmazione, gestione ed attuazione dei progetti di cooperazione interterritoriale e transnazionale e dunque la costituzione dell’Assogal è molto utile per avere un rappresentante unitario presso le Autorità centrali, comunitarie e regionali, non solo al fine di continuare una fattiva collaborazione con tutti i soggetti ma anche per svolgere altri compiti importanti per i quali è necessaria unità di intenti e di azione”.

E ancora: “Mi riferisco – ha sottolineato l’assessore Cecchini – per esempio alle azioni di promozione degli eventi più importanti della nostra Regione, che hanno bisogno di interventi coordinati ed unitari per essere valorizzati con efficacia, anche attraverso l’ottimizzazione delle risorse finanziarie ed umane a disposizione. Oppure avere un confronto costante con l’Autorità di Gestione e promuovere strategie comuni e tutte le forme di collaborazione possibili tra i vari Gal. L’Assogal dovrà anche collaborare nella progettazione, gestione dei progetti di cooperazione promuovendo lo sviluppo integrato attraverso l’attivazione di iniziative comuni (produzione di materiale illustrativo, seminari, partecipazione a fiere, ecc.) e ricercando opportunità, anche finanziarie, che vadano oltre quelle che sono disponibili con il Programma di Sviluppo rurale”.

E arriviamo al capitolo denaro: i fondi. “Nel Psr dell’Umbria – ha proseguito l’assessore – ci sono quasi 50 milioni di euro per le azioni di competenza dei Gal e vogliamo che questi fondi non solo siano spesi tutti, ma ovviamente che siano spesi bene. E un’azione unitaria dei Gal può farci fare quel salto di qualità necessario per promuovere e far conoscere meglio l’Umbria in tutte le sue caratteristiche. Soprattutto in questi mesi in cui la nostra Regione deve riposizionarsi al centro degli itinerari turistici nazionali ed internazionali a causa del terremoto”.

La prima iniziativa concreta dell’Assogal sarà proprio la partecipazione, con stand e materiali promozionali comuni, al Vinitaly che si svolgerà a Verona dal 9 al 12 aprile prossimi. “Ed in quella occasione – hanno anticipato i presidenti del Gal umbri – saranno numerosi gli ospiti che si uniranno a noi per promuovere le bellezze e le ricchezze della nostra Regione”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PerugiaToday è in caricamento