Lunedì, 21 Giugno 2021
Economia

Contributi per l'acquisto della prima casa, in 129 rimangono fuori dagli aiuti regionali

La consigliera Simona Meloni (Pd): "Accelerare nella pubblicazione dei bandi 2021 per i contributi all’acquisto della prima casa e stabilire i criteri che verranno adottati per ampliare la platea"

Contributi regionali per l’acquisto della prima casa: su 519 domande sono state 390 quelle finanziabili. Per questo Simona Meloni, vice presidente dell’Assemblea legislativa ed esponente del Pd, chiede di “accelerare nella pubblicazione dei bandi 2021 per i contributi all’acquisto della prima casa e stabilire i criteri che verranno adottati per ampliare la platea. Ciò per dare risposte certe e concrete a coloro che contano su questo importante contributo e a chi è rientrato nelle domande ammesse, ma non finanziabili”.

“Dalla graduatoria approvata, per i single, a fronte di 133 domande ammissibili, ne sono risultate finanziabili 24, pari al numero sufficiente ad esaurire il budget disponibile ammontante a 570mila euro. Per le famiglie monoparentali, a fronte delle 92 domande ammissibili, ne sono risultate finanziabili 19, pari al numero sufficiente ad esaurire il budget disponibile ammontante a 570mila euro. Per le giovani coppie a fronte delle 294 domande ammissibili, ne sono risultate finanziabili 86, pari al numero sufficiente ad esaurire il budget disponibile di 2 milioni 660mila euro. Quindi delle 519 arrivate, 390 domande risultano non finanziabili per l’esaurimento delle risorse. Numeri che testimoniano un fabbisogno crescente. Alla luce proprio di questo quadro – conclude Simona Meloni - serve un impegno serio, perché è fondamentale dare continuità alle politiche abitative portate avanti già negli anni scorsi dalla Regione ed impegnare nuove e sempre più importanti risorse al fine di rispondere alle richieste sempre più crescenti della comunità umbra”.

L’emergenza sanitaria e la crisi hanno aggravato la situazione economica di tanti nuclei familiari e per far fronte a questa situazione, la Giunta regionale, nel luglio 2020, aveva approvato i criteri per l’emanazione del bando volto all'assegnazione di contributi a fondo perduto per l'acquisto della prima casa a favore di giovani coppie, nuclei familiari composti da una sola persona e monoparentali.

Il contributo a fondo perduto previsto nel bando, era stato calcolato in misura corrispondente al 30 per del costo dell’alloggio fino ad un massimo di 30mila euro per le giovani coppie e le famiglie monoparentali (ovvero 40mila euro se l’alloggio è situato nel centro storico, ad eccezione delle frazioni) e 20mila euro per i single (ovvero 30mila se l’alloggio è situato nel centro storico, ad eccezione delle frazioni).

Alla luce di questi numeri per Meloni “serve un impegno serio, perché
è fondamentale dare continuità alle politiche abitative portate avanti già
negli anni scorsi dalla Regione ed impegnare nuove e sempre più importanti
risorse al fine di rispondere alle richieste sempre più crescenti della
comunità umbra”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Contributi per l'acquisto della prima casa, in 129 rimangono fuori dagli aiuti regionali

PerugiaToday è in caricamento