menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Perugina, incubo esuberi e muro Nestlé: scatta lo sciopero di massa

Mobilitazione nel giorno della convocazione del tavolo al ministero: "La politica si schieri con noi"

Barricate. Scatta lo sciopero di massa alla Perugina. Il fantasma degli esuberi prende sempre più corpo e Nestlé erige un muro, così la rsu dichiara l’incrocio delle braccia. Il giorno è mercoledì 27 settembre. “Dalle assemblee generali di ieri – sottolineano i sindacati - le lavoratrici ed i lavoratori della Perugina hanno manifestato una forte preoccupazione verso l’atteggiamento della Nestlé in merito alla vertenza in atto ed è emersa la necessità di una mobilitazione che parta proprio dalla fabbrica, tesa a rafforzare le posizioni della rsu nel giorno della convocazione del tavolo presso il Ministero dello Sviluppo Economico”.


E quindi, sciopero: “Crediamo altresì che le Istituzioni territoriali così come le forze politiche e sociali debbano aderire a questa mobilitazione rimarcando la centralità della Perugina per tutto il territorio. Giovedì 28 settembre sono convocate le assemblee generali alla presenza delle Segreterie Nazionali di Flai-Cgil, Fai-Cisl e Uila-Uil per discutere in merito all’andamento dell’incontro del 27 e sarà l’occasione per valutare eventuali ulteriori iniziative da intraprendere”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Coronavirus, bonus di 2400 euro: ecco a chi spetta

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PerugiaToday è in caricamento