L'INTERVENTO Carla Spagnoli: "Sulla Perugina cari politici e sindacalisti vi siete svegliati tardi"

Riceviamo e pubblichiamo la nota del Presidente Onorario del Movimento per Perugia Carla Spagnoli, che da tempo sta lanciando messaggi alle istituzioni per muoversi verso un incontro con i vertici che avrebbero già deciso la strategia dello stabilimento di San Sisto

Riceviamo e pubblichiamo la nota del Presidente Onorario del Movimento per Perugia  Carla Spagnoli, erede della famiglia che ha fatto grande la Perugina, e che da tempo sta lanciando messaggi alle istituzioni per muoversi verso un incontro con i vertici che avrebbero già deciso la strategia dello stabilimento di San Sisto: ovvero ridurre volumi di produzione e posti di lavoro

*****

di Carla Spagnoli *Presidente Onorario del Movimento per Perugia

Anno nuovo vita vecchia per la nostra “Perugina”… Mentre sindacati e politici sono “distratti” e parlano d’altro, arrivano ulteriori conferme sulla volontà della Nestlè di smobilitare lo stabilimento “Perugina” di San Sisto. Nel 2015, infatti, si prevedono ulteriori cali dei volumi produttivi rispetto all’anno appena trascorso, quando la produzione era calata di oltre 1000 tonnellate e noi del Movimento per Perugia, informati sui fatti, avevamo denunciato questa situazione in vari articoli già nei mesi scorsi! Si pensa che quest’anno i volumi produttivi dello stabilimento scenderanno sotto le 25.000 tonnellate, per la prima volta in tutta la storia dell’azienda… Questo significa che si farà ancora ricorso ai contratti di solidarietà, alla Cassa Integrazione e ai licenziamenti che metteranno tante famiglie in gravi difficoltà economiche! 

Nonostante il silenzio dei suoi vertici, con questa politica di “abbandono” la Nestlè (“Perugina”) ha chiaramente fatto capire quali sono le sue reali intenzioni sul futuro dell’azienda, amministrata da manager cinici e carrieristi che vedono la “Perugina” come rampa di lancio per la loro carriera e non come un marchio storico, patrimonio di Perugia e di un’intera nazione, fiore all’occhiello del nostro Made in Italy! 

Ci domandiamo ancora una volta: dove sono politici e sindacalisti? Dove sono i parlamentari umbri di destra e di sinistra che dovrebbero avere a cuore le sorti della nostra “Perugina” e dei suoi lavoratori che gli hanno permesso di sedersi sugli scranni del Parlamento?! Finalmente la candidata alla presidenza della Regione Catiuscia Marini, in prossimità della campagna elettorale, si è decisa a scrivere una lettera ai vertici Nestlè per chiedere un incontro urgente: sarà troppo tardi? La “Perugina” e lo stabilimento di San Sisto stanno morendo lentamente nell’indifferenza di chi dovrebbe tutelarla!

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nessuno vuole più indossare la toga? Esame da avvocato, domande al minimo storico

  • Muore a 39 anni schiacciato dal trattore, inutili i soccorsi

  • "Mi ha ridotto così divertendosi": Caterina denunciando tutto è riemersa dall'abisso: massacrata ma viva

  • Cadavere in un canale, sul posto Carabinieri e Vigili del fuoco

  • Ingegneri, architetti, scienziate e statistici: i laureati che mancheranno nei prossimi anni

  • Albero crolla e si abbatte su una casa e su un'auto

Torna su
PerugiaToday è in caricamento