La Nestlè non rinuncia al "Bacio": "Non siamo in vendita e non licenziamo"

Gianluca Toia, responsabile delle relazioni industriali della Nestlè, è stato ascoltato dalla commissione Industria del Senato dove ha ribadito quali sono le strategie della multinazionale per lo stabilimento di San Sisto della Perugia

Nessun licenziamento, nessun tagli immediato ma anzi tre anni di tempo, seppur da lacrime e sangue, per rilanciare l'azienda e trasformare gli esuberi in tranquillo personale in servizio e con certezze per il proprio futuro lavorativo. Gianluca Toia, responsabile delle relazioni industriali della Nestlè, è stato ascoltato dalla commissione Industria del Senato dove ha ribadito quali sono le strategie della multinazionale per lo stabilimento di San Sisto della Perugia.

Con i sindacati dovrà ripartire la partita per una nuova stagione di contratti di solidarietà da applicare fino al settembre 2018. "Abbiamo ancora tre anni per gestire l'esubero e cercare di evitare tagli del personale e quindi abbiamo tempo per creare piani di sviluppo che saranno incentrati sulla produzione del Bacio. Di una cosa siamo certi: il nostro core business resta il cioccolato ma abbiamo anche altri prodotti che riteniamo possano essere di successo". Gli esuberi previsti ancora oggi sono 210 su quasi 900 lavoratori. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Per il prossimo anno, l'azienda prevede livelli produttivi in linea con quelli realizzati lo scorso anno, sulle 25 mila tonnellate, anche se ridistribuiti su produzioni diverse. Il manager Toia ha voluto anche allontanare le voci su una possibile cessione ad una non meglio identificata coordinata di imprenditori italiani: "La Perugina non è in vendita". 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, due persone in mezzo alla strada tirano calci alle auto: ma uno dei due finisce al "tappeto" (le foto)

  • Doveva restare in quarantena, ma un camionista ha continuato a lavorare: poi il malore, era positivo al coronavirus

  • Coronavirus, la mappa del contagio in Umbria al 3 aprile: tutti i dati per comune

  • Coronavirus Umbria, il bollettino del 7 aprile: frenano ancora i contagi, sei nuovi decessi

  • Coronavirus, altre due vittime in Umbria: lutto a Perugia e Castiglione del Lago

  • Coronavirus, bollettino Umbria del 5 aprile: su 550 tamponi 29 contagiati, 300 tra guariti e quelli senza più sintomi

Torna su
PerugiaToday è in caricamento