Mobilità alternativa, a Perugia arriva l'auto elettrica per tutti: prenoti con l'App e paghi 9 euro all'ora, servizio h24

Il progetto porta la firma di Romeo Auto in collaborazione con il Comune e Ald Automotive. Vantaggi per l’ambiente e per l’utente: libera circolazione nelle zone a traffico limitato e parcheggi a strisce blu gratuiti

Sette auto, completamente elettriche, da prendere quando vuoi e tenerle quanto vuoi, senza pagare il carburante, senza inquinare, senza dover rispettare lo Ztl e con le quali parcheggiare sulle strisce blu senza dove tirare fuori un euro. Non è un sogno proibito ma dopo Umbria Jazz, quindi verso la fine di luglio, sarà la grande opportunità messa a disposizione da RomeoAuto -  in partnership con Ald Automotive e il Comune di Perugia - per gli studenti universitari, per i cittadini e per i turisti. E' il primo car sharing (auto condivisa) della storia di Perugia.

Fa parte del pacchetto della mobilità alternativa di Perugia che sta sviluppando il suo potenziale green per la candidatura di Capitale Verde d'Europa. I costi? Molto abbordabili. Ecco il tariffario: 20 centesimi al minuto, 9 euro un'ora, 56 euro al giorno, 112 al mese, 300 euro una settimana. Il pieno di elettricità è offerto: viene consegnata anche una carta Enel per ricaricare il "carburante" in caso di necessità (l'autonomia è di 300 chilometri). RomeoAuto mette a disposizione delle nuovissime vetture elettriche della Renault, modello Zoe. Il servizio sarà attivo 24 ore su 24, dal 22 luglio, e in questa fase di start-up prevede una flotta di sette auto che saranno posizionate nel piazzale Umbria Jazz a Pian di Massiano e nel centro storico perugino.

Essendo elettriche, le auto potranno circolare liberamente nella zona a traffico limitato e usufruire gratuitamente dei parcheggi a strisce blu. Ma come si prenota il nuovo servizio di carsharing perugino? Basta scaricare l'app Popmove e una volta registrati (necessario essere in possesso di regolare patente di guida, carta d’identità e carta di credito) non resta che cercare la vettura più vicina e prenotarla. In questa fase di start-up le auto saranno posizionate nel piazzale Umbria Jazz a Pian di Massiano e nel centro storico perugino.

“Perugia è la seconda città italiana – ha spiegato Michele Saldi, amministratore delegato RomeoAuto spa –, dopo Bergamo, che aderisce a questo progetto; l’idea è quella di coinvolgere anche altre città d’arte umbre come Gubbio, Spello, Assisi e Città di Castello ma non solo, perché abbiamo anche dialogato con Chianciano Terme. Rispetto alle tariffe, si va dai 23 centesimi di euro al minuto ai 9,20 euro all’ora e poco più di 300 euro a settimana. C’è un ulteriore vantaggio poi con Popmove – ha spiegato MSaldi – per i clienti Ald Automotive che hanno sottoscritto un contratto di noleggio a lungo termine. Se l’auto che hanno noleggiato rimane ferma per qualche ora o giorno, posso metterla a disposizione, per il tempo che desiderano, per altri utenti della community, riducendo così anche i costi del loro noleggio”.

Sul carsharing punta molto l'assessore perugino alla mobilità, Luca Merli, che è convinto che sia una grande opportunità per gli studenti, per i turisti ma anche per i cittadini che vogliono salire in centro senza l'incubo dello Ztl e della sosta. Di questa iniziativa mi colpisce particolarmente – ha detto Merli – il modo innovativo con cui è realizzata, che la rende più snella e fruibile per gli utenti. È ormai evidente che sia necessario un cambio di mentalità rispetto alla mobilità, ma di fronte alle difficoltà che la mobilità stessa sta vivendo nella nostra regione poter contare su un’iniziativa così fruibile, facile e conveniente è positivo. Oltre che per i cittadini e per i turisti ritengo che Popmove sia particolarmente adatta agli studenti delle nostre università, che di solito non hanno il mezzo proprio a disposizione, ma che ora possono avere questo servizio in condivisione anche con altri studenti”. Un plauso al progetto è arrivato anche dadal direttore di Federalberghi, Rolando Fioriti secondo cui “l’iniziativa si colloca al momento giusto nel posto giusto” e da Mercuri che l’ha giudicata “interessante per Perugia, una città arroccata che ha bisogno di queste scelte innovative”. 

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nuovo concorso pubblico: 616 posti a tempo indeterminato, basta la licenza media

  • Il Senato assume personale, il concorso: primo stipendio da 1.726 euro al mese

  • Elezioni regionali, nuovo sondaggio sull'Umbria: Tesei avanti su Bianconi, la forbice e il numero degli indecisi

  • La Cena degli Sconosciuti arriva a Perugia: come funziona

  • Quando Cicciolina girava per il centro di Perugia mostrando le sue grazie ai passanti

  • Follia sul treno: ha il biglietto, ma picchia lo stesso il controllore

Torna su
PerugiaToday è in caricamento