Economia

Osterie d’Italia 2018, la guida Slow Food premia sei eccellenze di casa nostra

Da oltre trent'anni Osterie d'Italia ci segnala i luoghi del mangiar bene, ma dando sempre un occhio al portafoglio. Luoghi dove l'identità regionale si sposa con il cibo

Non solo ristoranti e “Stelle” nell’elitè enogastronomica italiana. Le osterie, con il loro carico di tradizione popolare, rappresentano al meglio i piccoli borghi e la cucina regionale. La loro guida è in vendita da settembre, la cosiddetta “Gialla”: Osteria d’Italia 2018, curata dalla ormai nota chiocciola di Slow Food e si contrappone proprio alla “Rossa” Michelin con i sui cuochi stellati.

“La guida di Slow Food premia da più di 30 anni la cucina semplice delle tavole autentiche e originali scovate in tutta la Penisola, assegnando la Chiocciola alle insegne che meritano per servizio, cucina, atmosfera, ospitalità dell’oste” Tra i  premiati dell’edizione 2018 ci sono anche sei realtà di casa nostra:  L’ACQUARIO Castiglione del Lago (PG);  LA MINIERA DI GALPARINO Città di Castello (PG); PIERMARINI  Ferentillo (TR); STELLA Perugia; LA LOCANDA DI COLLE OMBROSO Porano (TR); BACIAFEMMINE Scheggino (PG). 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Osterie d’Italia 2018, la guida Slow Food premia sei eccellenze di casa nostra

PerugiaToday è in caricamento