Economia

Nodino di Perugia Collestrada-Balanzano, Confagricoltura: "Serve un progetto a basso impatto ambientale"

L'associazione di categoria pronto alla svolta del sì ma mette i paletti per evitare danni ad agricoltori

Il nodino di Perugia - chiamato così perchè è una sola parte del più vasto progetto Nodo di Perugia - entrato di diritto nelle grandi opere per rilanciare il Paese post-pandemia potrebbe incassare anche il sì (ma con molte condizioni) da parte dell'associazione di categoria di Confagricoltura. Un via libero non scontato dato che proprio all'inizio del 2000, quando si parlava dell'infrastruttura per alleggerire il trafico in direzione Perugia, gli agricoltori si erano schierati con il fronte del no perchè rischiava di penalizzare e limitare le aziende agricole dell'area interessata. Il si potrebbe arrivare solo e soltato se il progetto sia coraggioso e all'insegna di una sensibilità moderna verso la salvaguardia dell’agricoltura oltre che la realizzazione deve avere un impatto quanto meno negativo possibile. Confagricoltura dunque si rende disponibile se si aprisse un auspicato tavolo di confronto e partecipazione

“La nostra nazione e la nostra regione ancor di più – sottolinea il presidente di Confagricoltura Umbria Fabio Rossi – soffrono di carenze ed inefficienze infrastrutturali che poi incidono in molti contesti, soprattutto sull’economia e sulle imprese e sulla loro capacità di competere. E’ evidente che l’Umbria ha carenze nei trasporti strutturali che solo in parte sono in via di risoluzione come nell’esempio della ‘quadrilatero’. E’ necessario che se si procederà alla redazione di un progetto esecutivo come annunciato, vi sia una seria fase di valutazione preliminare da parte dei soggetti competenti: ANAS, Ministeri e Amministrazioni locali che tenga conto delle attuali sensibilità e del panorama di alternative possibili”.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Nodino di Perugia Collestrada-Balanzano, Confagricoltura: "Serve un progetto a basso impatto ambientale"

PerugiaToday è in caricamento