menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

C'è chi batte questa maledetta crisi in Umbria, salvato storico mulino: produrrà super mangimi biologici

Il Gruppo Grigi che 48 ore fa ha acquistato lo storico brand Molino Gatti che, a Panicale, in località Olmini, produce farine di alta qualità senza aggiunta di addittivi

C'è chi investe, salvando marchi storici del Made in Umbria, per poi cercare di rilanciarli nel settore di provenienza. C'è chi ha deciso di crescere e quindi non teme i morsi di questa maledetta crisi internazionale infinita. Tra questi c'è il Gruppo Grigi che 48 ore fa ha acquistato lo storico brand Molino Gatti che, a Panicale, in loc lità Olmini, produce farine di alta qualità senza aggiunta di additivi. Per dare continuità e valorizzare 50 anni di storia del marchio, il Gruppo Grigi ha confermato tutto l’organico aziendale senza apportare tagli o modificare i contratti al ribaso.

L’intero stabilimento si occuperà di produrre mangimi biologici. “Con questi due innesti – ha commentato Daniele Grigi, responsabile marketing del Gruppo Grigi con sede a Todi– chiudiamo definitivamente il ciclo della filiera, elevandoci a realtà unica nel settore. Siamo presenti in maniera totalitaria nel mercato agroalimentare con la produzione di semi e cereali, lo stoccaggio di prodotti agroalimentari, la trasformazione del cereale per mangimi e farine, la produzione di latte, vino, birra e olio”.

“In linea con l’evoluzione del consumatore, uno stakeholder 3.0 attento all’ambiente e all’ecosostenibilità – ha aggiunto Grigi –, a gennaio 2017 presenteremo il nostro nuovo progetto per il settore alimentare caratterizzato da produzioni sostenibili con il fine di ridurre al minimo l’impatto delle nostre attività. Con gli ultimi movimenti societari si rinnova il credo e leitmotiv dell’identità aziendale: la salvaguardia e l’esaltazione del territorio attraverso un’agricoltura qualitativa e avanguardista, un investimento costante nell’innovazione tecnologica e nella ricerca per lo sviluppo sostenibile. Un’agricoltura capace di mantenersi e mantenere intatto l’ecosistema, promuovendo filiere corte e prodotti di qualità riscoprendo i valori della tradizione, è ora una realtà”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Coronavirus, bonus di 2400 euro: ecco a chi spetta

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PerugiaToday è in caricamento