menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Due giovani umbri stupiscono il mondo: rivoluzione tecnologica nel motociclismo

Il progetto è stato ideato e sviluppato da due giovani folignati,  il progettista meccanico Federico Giuliani di 45 anni e l’ingegnere aerospaziale Gabriele Bellani di 37 anni

Parte da Foligno la produzione in serie dell’Airtender, una sospensione innovativa che migliora il comfort e le prestazioni delle moto da turismo che sta rivoluzionando il mondo delle sospensioni motociclistiche.

Il progetto è stato ideato e sviluppato da due giovani folignati,  il progettista meccanico Federico Giuliani di 45 anni e l’ingegnere aerospaziale Gabriele Bellani di 37 anni, che nel 2013 hanno fondato l’Umbria Kinetics una start up innovativa  che progetta sistemi meccanici ed elettromeccanici per le moto che ha già all’attivo ben due brevetti internazionali.

Entrambi provenivano da percorsi diversi: Gabriele ingegnere aerospaziale si trovava all’estero già da nove anni come ricercatore in prestigiose università di Svezia e Stati Uniti. Federico seguiva invece la tradizione di famiglia nella storica officina del padre Lallo come progettista meccanico. Fino all’incontro che li ha portati ad ideare e  realizzare una sospensione intelligente capace di adattarsi a tutte le situazioni di guida e di strada.

Grazie anche al contributo di un altro giovane umbro, Riccardo Piergentili,  l’Airtender  si è mostrata subita come una invenzione rivoluzionaria, tanto da aver riscosso l'interesse di grandi case motociclistiche: ad oggi la Honda lo utilizza per le serie speciali delle sue moto di punta prodotte in Italia, quali la Africa Twin Rally.

L’ Umbria Kinetics sta già producendo altri prodotti innovativi quali banchi test per sospensioni distribuiti a livello internazionale in collaborazione con l'Andeani Group. La loro storia ha avuto un risalto nazionale dopo un servizio andato in onda all’interno del Tg 2 Dossier che raccontava la nascita e lo sviluppo di questa invenzione rivoluzionaria che migliora la sicurezza stradale, il confort e il divertimento alla guida.

Nella fase di avvio l’azienda è stata sostenuta da un finanziamento della Regione Umbria risultando vincitrice del bando “Brain Back” riservato ai migliori progetti imprenditoriali che prevedeva il rientro in Italia dei cervelli in fuga. Dopo aver ottenuto i brevetti internazionali,  il progetto è stato ulteriormente sviluppato con il contributo dei fondi regionali POR-FESR dedicati al sostegno alla ricerca delle Pmi innovative. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Cronaca

Come ti frego il pacco lasciato dal corriere… se non sei svelto a ritirarlo

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PerugiaToday è in caricamento