menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Sciopero degli scrutini e manifestazione in piazza contro la "Buona Scuola" di Renzi

"La scuola illumina la città" è il titolo dell’iniziativa promossa da Flc Cgil, Cisl Scuola, Uil Scuola, Snals e Gilda, che si terrà nei due capoluoghi umbri venerdì 5 giugno con inizio alle 21. A Perugia l’appuntamento è in piazza della Repubblica

Candele, letture e riflessioni per protestare contro Renzi e la sua “Buona scuola”. "La scuola illumina la città" è il titolo dell’iniziativa promossa da Flc Cgil, Cisl Scuola, Uil Scuola, Snals e Gilda, che si terrà nei due capoluoghi umbri venerdì 5 giugno con inizio alle ore 21.00. A Perugia l’appuntamento è in piazza della Repubblica, mentre a Terni in Largo Villa Glori. L’iniziativa si inserisce nel quadro della mobilitazione contro il ddl “Buona Scuola” del Governo, che prosegue il suo iter in Parlamento.

Le modifiche apportare a Montecitorio non sono state giudicate sufficienti dai sindacati, che continuano a denunciare i troppi poteri del “preside-sindaco”, i criteri di valutazione del merito, le donazioni alle scuole paritarie e le detrazioni fiscali. Tra i punti più contestati dalle sigle anche la mancanza di un piano di assunzioni pluriennale per tutti i precari delle scuole pubbliche: quel contingente vasto che in questi anni, nonostante i tagli, ha permesso alle nostre scuole si andare avanti.


Ma c’è di più. In questi giorni i sindacati hanno anche proclamato lo sciopero degli scrutini, il primo dal 1990 a oggi. Si tratta di un’astensione di un’ora per tutto il personale docente, educativo ed Ata delle scuole di ogni ordine e grado, per i primi due giorni stabiliti dai calendari dei singoli istituti. Una scuola buona per le proteste.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PerugiaToday è in caricamento