Liste d'attesa, la cura dei sindacati contro la piaga della sanità: "Responsabilità della Regione, stabilizzate i precari"

I sindacati contro Palazzo Donini: "Non scaricate le colpe sui medici, subito nuovi contratti"

Una cura per la piaga delle liste d'attesa. "Per prendere di petto il problema delle liste di attesa è necessario completare la stabilizzazione di tutti i precari della sanità umbra, compresi i dirigenti del sistema sanitario ancora non stabilizzati, applicare tutta la circolare Madia". E' questa la ricetta dei sindacati umbri, argomentata in una nota congiunta dal segretario generale della Cgil dell'Umbria, Vincenzo Sgalla, dal segretario generale della Fp Cgil Umbria, Fabrizio Fratini, e dal segretario regionale Fp Cgil Medici Mauro Patiti. che commentano così le recenti dichiarazioni dell’assessore regionale alla Sanità, Luca Barberini. “Per quanto riguarda invece l'intramoenia – continuano i tre sindacalisti - ci sembra pleonastico ricordare che per i medici è prevista dalla legge e creata per risolvere il problema della libera scelta del medico curante e valorizzare chi ha fatto la scelta del pubblico, contrastando così anche la deriva della sanità privata”.

Per i sindacati è “un ostacolo sempre più difficile da superare per garantire a tutti i cittadini il diritto alla salute sancito dalla Costituzione italiana, già fortemente a rischio per i continui tagli alla sanità perpetrati da tutti i governi succedutisi negli ultimi anni”. “Non a caso – ricordano dal sindacato - la problematica è parte integrante del documento unitario di Cgil Cisl Uil, presentato prima dell’avvio della discussione sul Piano Sanitario Regionale”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

E ancora: “Sicuramente – continuano Sgalla, Fratini e Patiti - gli unici soggetti che non sono responsabili della situazione in atto sono i professionisti della sanità che hanno garantito sempre e comunque anche tra mille difficoltà servizi di qualità ed è competenza della Regione Umbria e delle direzioni aziendali, che hanno tutti gli strumenti normativi e giuridici nonché la responsabilità organizzativa, affrontare e risolvere il problema”.

Tra gli interventi richiesti dal sindacato c'è quello di “sollecitare le direzioni aziendale alla rilevazione dei fabbisogni di personale e verificare il rispetto dell’orario di servizio e del relativo riposo”. Infine, Cgil e Fp Cgil sottolineano che non si è ancora concluso il percorso del rinnovo contrattuale, “anche per assenza di finanziamento dello stesso della parte delle regioni”. “La Cgil è sempre disponibile – concludono Sgalla, Fratini e Patiti - ed attende convocazioni dell’assessorato per lo sviluppo sostenibile di qualità del servizio sanitario nazionale e della tutela degli operatori che ci lavorano”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, la mappa del contagio in Umbria all'1 aprile: tutti i casi per comune di residenza

  • Coronavirus, due persone in mezzo alla strada tirano calci alle auto: ma uno dei due finisce al "tappeto" (le foto)

  • Doveva restare in quarantena, ma un camionista ha continuato a lavorare: poi il malore, era positivo al coronavirus

  • Coronavirus, la mappa del contagio in Umbria al 3 aprile: tutti i dati per comune

  • Coronavirus, il bollettino in Umbria 2 aprile. Altri segnali positivi: aumentano i guariti e 4mila fuori dall'isolamento, contagiati di nuovo in calo

  • Coronavirus, la mappa del contagio in Umbria al 2 aprile: tutti i casi per comune di residenza

Torna su
PerugiaToday è in caricamento