Siamo in crisi, Liomatic non ci ripensa: "In 150 a casa per salvare conti e azienda"

Il primo incontro a Roma tra la delegazione sindacale e l'azienda umbra non è andato bene per i lavoratori che rischiano, in gran parte in Umbria, di perdere il proprio posto di lavoro. Sindacati: "Ma se il bilancio 2013 è stato chiuso in positivo..."

Non si torna indietro: la Liomatic - azienda umbra leader nel settore dei distributori automatici - ha confermato la volontà di mettere in sicurezza i propri conti licenziando ben 151 lavoratori, per gran parte nella nostra regione. Il contenimento della spesa, in vista di un bilancio negativo, passerà per il taglio di strutture non strategiche e per grandissima parte dalla riduzione del personale. La conferma arriva dopo il primo incontro tra azienda e sindacati.

I licenziamenti per la delegazione sindacale non sono giustificabili sia in fatto di conti sia per la mancanza di un piano industriale che se redatto potrebbe salvare occupazione e tagliare sprechi e settori in difficoltà. "Abbiamo messo in evidenza come il bilancio 2013 di Liomatic si sia chiuso in attivo e che c'è bisogno di un piano industriale che possa dare futuro e garanzia all’occupazione. La dichiarazione di esubero risulta essere generica, insufficientemente argomentata, e soprattutto eccessiva in virtù di tutti gli indicatori economici in nostro possesso".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il prossimo incontro è previsto per il 5 novembre e nel frattempo i dipendenti della Liomatic sperano nell'intervento-mediazione della Regione: "I lavoratori hanno reputato opportuno di richiedere all’Assessore Regionale competente la convocazione delle parti al fine di poter meglio comprendere le volontà della proprietà, la quale ha dichiarato di non avere intenzione di cedere l’attività, e di adoperarsi per contenere al massimo gli esuberi che pesano in grandissima parte sulla sede centrale e sulle filiali della nostra regione".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Spettacolo in cielo, le Frecce Tricolori sorvolano Perugia: ecco l'orario

  • Le Frecce Tricolori nei cieli di Perugia, domani il grande giorno per ammirare la pattuglia acrobatica

  • Ad Umbertide apre un nuovo supermercato: 450 mq e una linea di prodotti tutta made in Umbria

  • Coronavirus in Umbria, la mappa del contagio al 24 maggio: tutti i dati comune per comune

  • Ordinanza Umbria-Marche: via libera alla mobilità tra comuni di confine tra le due regioni

  • Piante antizanzare da coltivare sul balcone o in giardino

Torna su
PerugiaToday è in caricamento