Lunedì, 21 Giugno 2021
Economia

La Regione mette in campo una manovra da 37 milioni di euro per dare sostegno all'economia umbra

Al centro degli interventi la valorizzazione di start-up, PMI innovative, centri di ricerca e collaborazione con le università

Una manovra da 37 milioni di euro per dare sostegno all'economia umbra. E' quella presentata dalla presidente della Regione Umbra Donatella Tesei e dall'assessore regionale alo sviluppo economico Michele Fioroni.

Il Bando Re-Start che attualmente conta un totale di fondi erogati ed in corso di erogazione per 16.050.173 euro  verrà rifinanziato per ulteriori 10 milioni di euro. A metà novembre verrà pubblicato poi il Bando Ricerca&sviluppo con un budget di 15 milioni di euro, la cui dotazione è dunque quasi il doppio rispetto a quella del precedente bando (8 milioni). L’idea è quella di ristrutturare il Bando per renderlo più sfidante, affinché l’attività di ricerca&sviluppo abbia un moltiplicatore importante sull’economia regionale.

Verranno valorizzati i progetti di ricerca&sviluppo, su prodotti e processi, con un livello di innovazione più matura ed in grado di incrementare la produttività e il potenziale produttivo dalle imprese regionali.

Al centro degli investimenti le partnership con start-up, PMI innovative, centri di ricerca, università per promuovere le collaborazioni virtuose tra i diversi attori del sistema dell’innovazione. Non ci sarà differenziazione tra start-up umbre ed extra regionali e ciò nell’ottica di attrarre nel nostro territorio tutte le start-up e le PMI innovative che meglio rispondano alle esigenze di innovazione delle nostre imprese.

Saranno valorizzate quelle imprese con una storia di ricerca e innovazione di successo, sempre nell’ottica di investire concretamente sulla ricerca e superare il gap strutturale dell’Umbria in questo ambito (la nostra regione è risultata nel 2019 sestultima in Italia per numero di brevetti europei richiesti, 26 brevetti).

A novembre inoltre verrà pubblicato un bando sulle competenze digitale con un budget di 3 milioni di euro. L’obiettivo è quello di ridurre il mismatch tra offerta e domanda di lavoro offrendo le competenze ICT che il mercato richiede e che sono strategiche per le imprese.

"Rispetto alle precedenti misure – ha spiegato in conferenza stampa Michele Fioroni – abbiamo deciso di alzare l’asticella e di predisporre misure più sfidanti per le imprese della nostra regione valorizzando la ricerca e l’innovazione e aumentando la dotazione finanziaria a supporto. Abbiamo introdotto elementi di novità rispetto al passato come nel bando Ricerca e Sviluppo una maggiore premialità per le imprese che dimostrino un know how di un certo livello e di avere realizzato progetti di rilievo in passato".

Verranno emanati avvisi per 4,5 milioni di euro a sostegno delle aree di crisi industriale complessa della Regione Umbria Terni–Narni e Merloni con l’obiettivo di sostenere gli investimenti delle piccole e medie imprese dell’industria, dell’artigianato e dei servizi alla produzioni.

Ed è stato comunicato che l’avviso dedicato al Sostegno agli investimenti per l’efficienza energetica e l’utilizzo delle fonti di energia rinnovabile destinato alle piccole medie e grandi imprese sarà emanato i primi giorni dell’anno 2021 e potrà prevedere una dotazione finanziaria fino a 2,5 milioni di euro.

Un nuovo ruolo poi ricoprirà Sviluppumbria Spa in cui l’innovazione e il trasferimento tecnologico saranno elemento chiave. La collaborazione con la regione sarà rafforzata, la volontà è quella di lavorare in maniera nuova per creare in Umbria un ecosistema dell’innovazione che funzioni e che possa trainare l’economia della regione fuori dalla crisi attraverso un nuovo paradigma di sviluppo.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La Regione mette in campo una manovra da 37 milioni di euro per dare sostegno all'economia umbra

PerugiaToday è in caricamento