L'INTERVENTO Carla Spagnoli (Movimento Perugia): "Quanti errori nella gestione dell'aeroporto! Ha ragione Leonelli"

Riceviamo e Pubblichiamo l'intervento sulla gestione dell'aeroporto da parte di Carla Spagnoli.

°°°°°°°°°°°

di Carla Spagnoli * Presidente Movimento per Perugia

Mai avrei pensato in vita mia di trovarmi d’accordo con il Consigliere regionale del PD Giacomo Leonelli, con cui in passato mi sono “scontrata” verbalmente, soprattutto sulla Perugina… La mia onestà intellettuale, però, oggi mi spinge a fare un plauso sincero al Consigliere Leonelli che da tempo sta portando avanti una battaglia politica VERA per chiedere un autentico rinnovamento nel CDA della Sase, la società di gestione dell’aeroporto di Perugia che in questi anni si è “distinta” per certe scelte a dir poco discutibili che di sicuro non hanno fatto bene all’immagine pubblica dello scalo umbro! I risultati sono sotto gli occhi di tutti: oggi l’aeroporto si ritrova ad avere collegamenti solo con Catania, Londra, Bruxelles, Tirana e, da aprile, con Malta. Non ci sono ancora tratte nazionali esclusa quella con Catania e ormai da anni sentiamo annunciare nuove rotte (in primis per Milano) senza che di queste vi sia traccia.

In compenso, in questo periodo abbiamo visto collegamenti prima attivi e poi cancellati: pensiamo ai voli per Roma, Francoforte, Bucarest, Cagliari, Trapani… Per carità, è vero che + nella maggior parte dei casi l’addio di queste rotte non è dipeso tanto dalla Sase ma piuttosto dalle compagnie aeree, ciò non toglie però il fatto che in questi anni gli attuali vertici Sase non siano stati in grado di valorizzare le potenzialità dell’aeroporto e portare nuovi voli con le altre città italiane e con le grandi capitali europee oltre a Londra!!! Così oggi l’Umbria si ritrova a non avere, nei fatti, un aeroporto degno di tal nome… Eppure di risorse finanziarie in questi anni ne sono state investite per l’aeroporto, e anche parecchie! Come dimenticare la vicenda della compagnia aerea FlyVolare? 

Come dimenticare i 500.000 euro di caparra dati nel 2017 per l’attivazione di nove voli a questa compagnia che non aveva nemmeno le regolari licenze per il trasporto aereo? Di questi 500.000 euro, 250.000 sono stati restituiti, ma l’altra metà è stata “recuperata”? E pensare che l’accordo on la compagnia era stato annunciato in una conferenza stampa proprio all’aeroporto, alla presenza del Presidente SASE e del Presidente della compagnia con sede a Malta! Pure la Presidente Marini in quei giorni si univa ai cori di giubilo e parlava di «un’importante salto di qualità a breve» del trasporto aereo in Umbria: quanto breve, dopo due anni, non è dato sapere… Per non parlare, poi, degli altri “annunci” che
riguardavano accordi della Sase con le compagnie FlyMarche, Cobrex e Aliblue Malta per nuovi voli mai partiti 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Eppure il CDA della Sase è ancora oggi al suo posto nonostante tutto e nonostante una mozione dello stesso Leonelli per «il superamento del CDA attuale della Sase SPA», approvata lo scorso dicembre in Consiglio Regionale. Anzi la Sase sta pure portando avanti un nuovo progetto, quello dell’Accademia del Volo per preparare i futuri piloti. Non entriamo nel merito di questa vicenda e, per carità, ben vengano nuove opportunità come quella dell’Accademia, ma stavolta ci auguriamo che almeno questo progetto venga valutato in maniera approfondita in tutti i suoi aspetti e soprattutto che non sia d’intralcio allo sviluppo del traffico dei passeggeri e all’attivazione di nuovi voli che gli umbri stanno ancora aspettando,
ormai dopposizione, visto che in ballo c’è un interesse comune fin troppo importante: il futuro dell’aeroporto, ovvero il futuro di tutta l’Umbria!

Per muoverti con i mezzi pubblici nella città di Perugia usa la nostra Partner App gratuita !

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, purtroppo altre 3 persone decedute negli ospedali di Foligno, Pantalla e Terni. Sono 24 in Umbria

  • L'Umbria apre tutte le sue bocche di fuoco contro il virus: test rapidi, 2mila tamponi al giorno e 25mila controlli mirati

  • Coronavirus, dalla spesa alle scarpe: le risposte dell'Istituto superiore di sanità sul contagio

  • Coronavirus, bollettino regionale del 29 marzo: 1023 contagiati, cresce il numero dei guariti, 'solo' in 46 in terapia intensiva

  • Coronavirus, bollettino medico del 26 marzo: in Umbria 20 morti, 802 contagiati e 12 clinicamente guariti

  • Coronavirus, nuovo bollettino medico in Umbria (25 marzo): 3 guariti in più, zero nuovi decessi, 710 contagiati

Torna su
PerugiaToday è in caricamento