Lunedì, 18 Ottobre 2021
Economia

Oltre 4 miliardi di euro a sostegno dello sviluppo regionale: la ricerca del Cna sul Piano di resilienza e i benefici per l'Umbria

Un piano per l’Umbria che aprirà un mare di opportunità da adesso al 2027

Dal Pnrr potrebbero arrivare all’Umbria almeno 2,6 miliardi di euro nel prossimo quinquennio. È il dato più eclatante che emerge dalla ricerca realizzata dal centro studi Sintesi per Cna Umbria e il confidi interregionale Unico. “A queste risorse – dichiara Michele Carloni, presidente di Cna Umbria - si sommeranno quelle derivanti dalla nuova programmazione dei fondi strutturali, per un totale di oltre 4 miliardi di euro a disposizione dello sviluppo regionale. Significa che per l’Umbria si apriranno un mare di opportunità da adesso al 2027. Nel determinare la stima delle risorse per l’Umbria derivanti dai programmi europei Next Generation e React, oltre che dal fondo complementare messo a disposizione dal governo, abbiamo tenuto conto di alcuni criteri – afferma Alberto Cestari, ricercatore di Sintesi -. Abbiamo ipotizzato che nella ripartizione tra le regioni di queste risorse, il cui valore complessivo arriva a 235 miliardi di euro, venga applicata la stessa metodologia che la Commissione europea ha utilizzato per l’assegnazione delle risorse del Pnrr ai vari Paesi europei. In particolare, la quota delle sovvenzioni a fondo perduto, che è pari al 36% del totale, è stata parametrata tenendo conto della popolazione, dell’inverso del Pil pro-capite, della disoccupazione media tra il 2015 e il 2019 e delle dinamiche del Pil reale tra il 2019 e il 2021. Per quanto riguarda la ripartizione della quota relativa ai prestiti (pari al 64% del totale), invece si è tenuto conto del Pil regionale.”

Ricerca PNRR-2

Il Pnrr dell’Italia, come noto, si articola i 6 missioni: digitalizzazione/innovazione/competitività/turismo (per un valore di 49,9 miliardi di euro); transizione ecologica (69,9 mld euro); infrastrutture (31,5 mld euro); istruzione e ricerca (33,8 mld euro); inclusione e coesione (29,8 mld euro); salute (20,2 mld euro).

“Sulla base dei dati disponibili – prosegue Cestari - ne deriva che circa il 40% delle risorse andrà alle regioni del Mezzogiorno, il 38% al nord e circa il 16% alle regioni del centro Italia Umbria, marche e Toscana (pari a ca. 37,7 mld euro), mentre ulteriori 16 miliardi di euro non saranno allocati territorialmente ma gestiti direttamente dai ministeri per lo sviluppo di progetti nazionali. La titolarità dei progetti del Pnrr è in capo ai vari ministeri, in particolare a quello delle Infrastrutture, della Transizione ecologica e dello Sviluppo economico, che assorbiranno oltre il 50% delle risorse.”

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Oltre 4 miliardi di euro a sostegno dello sviluppo regionale: la ricerca del Cna sul Piano di resilienza e i benefici per l'Umbria

PerugiaToday è in caricamento